A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Novità editoriale: "Portogallo Anarchico e Ribelle - storia del movimento libertario portoghese" di Pier Francesco Zarcone

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Wed, 28 Jul 2004 14:31:52 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Il grande moto di rivolta sociale iniziato nel secolo XIX e
notoriamente propagatosi a livello di massa nella penisola iberica è
generalmente conosciuto con riferimento alla grande epopea anarchica e
comunista libertaria della Spagna, e pochi sanno che il fenomeno,
invece, non lasciò affatto indenne l'altro e poco focalizzato paese della
stessa penisola: il Portogallo, rimasto fino al 1975 la più
arretrata regione dell'Europa occidentale. Eppure nel lungo arco di tempo
che va dalla fine del secolo XIX° un ruolo tutt'altro che
trascurabile era stato svolto da alcune generazioni di irriducibili
rivoluzionari, a buon diritto annoverabili - in Portogallo e fuori - fra
i "dimenticati" dalla storiografia ufficiale: gli anarchici
portoghesi.

Due fattori sostanzialmente hanno fatto si che sull'anarchismo
portoghese calasse un oblio quasi completo in Europa: a) la posizione
assai defilata che il Portogallo ha finito con l'assumere nella
considerazione di buona parte dell'Europa continentale dopo la fine della
sua egemonia sui mari (condivisa con la Spagna); talché anche persone di
media cultura sul Portogallo sanno poco e niente; b) la grande rilevanza
dell'epopea anarchica spagnola nella storia delle rivoluzioni europee del
secolo scorso, che ha fatto concentrare su di sé in modo assorbente
l'attenzione anche di storici del movimento
anarchico e libertario.

E così ben pochi sanno che, grazie a questi "dimenticati", almeno fino
agli anni '40 del secolo scorso l'anarchismo era stato la corrente
ideologica predominante nella classe operaia portoghese; grazie
all'opera di donne e uomini che hanno dedicato la vita e le migliori
energie, fisiche e psichiche, ad un ideale altruistico senza pretendere
nulla per sé (in conformitá alle proprie idee), che hanno conosciuto le
persecuzioni, le prigioni e le deportazioni, la tortura, l'esilio, la
miseria e la morte; senza ricevere nemmeno un "grazie", caduti
nell'oblio nel loro stesso paese (per gli anarchici è un'abitudine), ma
la cui passione trova ancora oggi dei continuatori, altrettanto
disinteressati, in una situazione generale ben più difficile di quella
della Spagna attuale.

Poiché sono praticamente sconosciute in Italia le vicende
politico/sociali del Portogallo alle quali sono strettamente
intrecciati gli avvenimenti di cui furono protagonisti i libertari
portoghesi, si è dato ad esse uno spazio adeguato per una migliore
comprensione ed un ampio e chiaro inquadramento della storia del
movimento anarchico di quel paese, e si è inoltre cercato di mettere in
luce - per la fase in cui l'anarchismo non sarà più un incisivo
soggetto agente (come dopo il 25 aprile 1974) - le pulsioni libertarie
ancora operanti fra le masse popolari, eredità, in qualche modo,
dell'anarchismo portoghese.

La memoria di quanto queste piccole grandi persone hanno fatto merita di
essere recuperata e mantenuta anche fra gli anarchici ed i libertari
italiani, perché si tratta di nostri compagni di cui non si può certo
dire (utilizzando l'espressione di Miguel de Unamuno per stigmatizzare
l'ignavia dell'uomo medio) che "murieron sin haber vivido". Le pagine che
seguono vogliono essere un doveroso omaggio. "Per fortuna rimane la
storia. Per fortuna rimane la memoria".


"Portogallo Anarchico e Ribelle - storia del movimento libertario
portoghese"
- Pier Francesco Zarcone

Editore Samizdat
€13,00
INDICE

Premessa
Cap.I- Gli esordi dell'anarchismo portoghese
1. Il contesto ottocentesco
2. I primi fermenti anarchici
Cap. II - La prima repubblica portoghese
1. La nascita della repubblica
2. La repubblica e le sua crisi
Cap. III - Gli anarchici nella repubblica
1. Caratteri generali
2. Primi tentativi di federazione fra gli anarchici - La nascita
della União Operária Nacional
3. La nascita della Confederação Geral do Trabalho e della União
Anarquista Portuguesa
4. Pedagogia, propaganda e questione femminile
5. L'anarchismo portoghese nella teoria e nella pratica
6. Gli anarchici e il Partido Comunista Português
7. Lotte sociali
Cap. IV - La nascita della F.A.I.
1. Il congresso internazionale anarchico di El Ferrol
2. Nasce la F.A.I.
Cap. V - Il regime fascista e la resistenza libertaria
1. Il golpe del 1926 e la dittatura militare
2. La resistenza
3. La guerra di Spagna e gli anni successivi
4. II P.C.P.
Cap. VI- La lunga notte del cattolico Salazar
Cap. VII - La "rivoluzione dei garofani"
1. Il contesto del golpe del 25 aprile 1974 e la non rivoluzione 2. La
situazione degli anarchici
3. II P.C.P.
4. Lo spontaneismo popolare
5. La fine delle illusioni
6. Considerazioni finali
Cap. VIII - L'anarchismo portoghese oggi
Bibliografia essenziale
Tavola storico/cronologica
Note


Il libro è disponibile in libreria o dalla FdCA.

FEDERAZIONE DEI COMUNISTI ANARCHICI
http://www.fdca.it
fdca@fdca.it





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center