A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) NO AL CPT DI GRADISCA!

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Mon, 26 Jan 2004 10:22:48 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Senza stati né confini nessuno è clandestino!

Sono anni che se parla, ma ora pare che sia stato tutto deciso e nel
giro di breve tempo, anche in provincia di Gorizia (molto probabilmente
nell’ex caserma di Gradisca) sorgerà un centro di permanenza temporanea
(CPT) per immigrati arrivati clandestinamente. La costruzione di questi
centri è decisa direttamente dal ministero dell’Interno e viene tenuta
strumentalmente sotto silenzio per evitare che -come successo altrove-
il caso esploda pubblicamente e si sviluppino lotte e proteste.

Questi luoghi di detenzione simboleggiano bene l'atteggiamento della
nostra "civile" società nei confronti di persone colpevoli solamente di
fuggire da situazioni di miseria, sfruttamento, oppressione o guerra: la
sola mancanza di un documento, di un pezzo di carta che attesti il loro
essere "regolari" è sufficiente perché tante donne e uomini
vengano sottoposti ad una carcerazione inumana e arbitraria in luoghi
ancora più opprimenti delle "normali" galere. Siamo radicalmente
contrari all'esistenza dei CPT, dove, fra l'altro, i reclusi non godono
neanche di quei pur minimi e precari diritti dei carcerati "normali".

Noi non crediamo nello Stato, nei confini e nelle galere. Pensiamo però
che anche coloro che si dichiarano democratici e che, a differenza di
noi, credono nello stato di diritto, debbano inorridire di fronte a
questi lager che, imprigionando persone che non hanno fatto
assolutamente nulla, violano qualsiasi norma giuridica e si fanno beffe
dei tanto sbandierati diritti umani.

Questi moderni lager sono l'espressione più evidente della barbarie
generata dalle varie leggi sull'immigrazione. Frontiere blindate, stragi
sui mari, impronte digitali, rastrellamenti nei quartieri, espulsioni
arbitrarie sono solo alcuni delle nefandezze create da questi
provvedimenti.

Dalla legge Turco-Napolitano del centro-sinistra che ha concepito i CPT,
alla Bossi-Fini del centro-destra che non ha fatto altro che inasprire e
peggiorare la precedente, tutte questi provvedimenti hanno creato e
diffuso l'artificiale divisione fra immigrati "buoni e
lavoratori" e clandestini "cattivi e criminali".

Detta in altri termini gli immigrati possono essere tollerati solo se
rimangono nell'ombra e restano chini al dispotismo dei padroni nei
luoghi di lavoro in modo da fornire docile manodopera per le industrie.

Da dove credete che venga buona parte del “miracolo del nord-est”? E
perché fra i primi a “chiedere più immigrati” c’è sempre Confindustria?
Se “sono di troppo”, se “non servono più” ridiventano automaticamente
clandestini (ma molti non hanno mai smesso di esserlo, e gli
imprenditori lo sanno bene) e perciò ritenuti colpevoli di tutti i
crimini possibili. E’ allora che si aprono le porte dei CPT. Siamo
perciò consapevoli che sono proprio le leggi degli Stati a creare la
clandestinità e per questo è necessario lottare contro tutte le leggi
razziste.

Una lotta che per essere coerente ed efficace deve avere come punto
centrale la libertà di circolazione per tutti gli uomini e le donne del
pianeta, l’abbattimento di tutte le frontiere e il rifiuto di ogni
divisione fra immigrati, clandestini, italiani, extracomunitari,
regolari consapevoli che l'unica divisione reale è fra sfruttati e
sfruttatori.

Occorre opporsi ai centri lager mobilitandosi in prima persona
autoorganizzandosi al di fuori delle istituzioni praticando l’azione
diretta.

Occorre rivendicare l’uso pubblico e collettivo dell’ex-caserma di
Gradisca come di tutti gli altri spazi inutilizzati e lasciati a
marcire.

Vogliamo spazi sociali non nuove galere!

Sabato 31 gennaio giornata europea di azione antirazzista a Gorizia
presso i giardini pubblici di corso Verdi dalle 15,30 manifestazione
contro il progetto di costruzione di un CPT in Friuli organizzano realtà
anarchiche e libertarie di Friuli, Gorizia, Trieste e Slovenia.

INIZIATIVA LIBERTARIA
Info: iniziativalibertaria@email.it
cell. 3396812954





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center