A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova n.6: Crociata contro le donne

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Mon, 23 Feb 2004 18:16:33 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

In nome del padre, del figlio e dello stato

Nulla sfuggirà al controllo dello stato. La legge 1514 sulla
procreazione medicalmente assistita è stata definitivamente approvata. I
corpi delle donne sono diventati merce di stato, gli embrioni sono sotto
la tutela della legge...
Meno male che non sono ancora riusciti a trovare un sistema per
prendere le impronte digitali dei feti, altrimenti lo avrebbero fatto, e
le avrebbero confrontate con quelle dei padri e dei nonni per
indagare, cercare una conferma alla paternità genetica così tanto
importante per gli uomini e così poco importante per la natura... Una
legge di vampiri e stupratori. Una legge che cercherà di far
sentire le donne vittime impotenti la cui unica possibilità di salvezza
sarà affidarsi alle mani dei medici.


Una legge che cercherà di imporre alle donne anche gravidanze non
desiderate: già immagino stuoli di carabinieri in camici bianchi che
invaderanno le corsie rincorrendo con provette in mano le donne che hanno
cambiato idea sulla loro scelta iniziale.

Una legge sadica; lungo il suo iter parlamentare si sono aggiunte man
mano norme sempre più repressive. Una legge che nuoce gravemente alla
salute delle donne, occorrerà scriverlo sulle provette di tutti gli
ospedali.

Una legge contro un desiderio che investe una delle parti più profonde
della vita umana.

Credo che noi donne, su questo problema, abbiamo troppo taciuto. Forse
pensavamo che il tempo dell'attacco ai diritti più fondamentali di
autodeterminazione sul nostro corpo fosse passato... Forse credevamo
impossibile che altri ci dicessero quando, come, con chi, con quanti
ormoni, con quante torture fare un figlio se avessimo chiesto aiuto alla
medicina.

Ed invece è accaduto, molto peggio di quanto avessimo immaginato.
Sbagliamo però se confiniamo questo problema nell'ambito del solo
diritto.

Questa legge mette in discussione il modo di veder la società, il
controllo sulla riproduzione, il ruolo della donna. E potrebbe essere
anche per noi una occasione per rivedere, esplorare, analizzare i
nostri desideri, anche quello di avere un figlio.

La medicina ha preteso di padroneggiare la fecondità, dimenticando la
sapienza e l'esperienza femminile. Ma quanto potere abbiamo consegnato
nelle mani di costoro, affidandogli i nostri desideri?

L'evoluzione tecnologica della medicina ha dimostrato di avere una grande
attenzione per il corpo femminile, ma nessuna considerazione per le
scelte delle stesse donne.

Analizzare questa legge solo da un punto di vista scientifico senza
entrare nei problemi personali che coinvolge è impossibile.

Due sono le posizioni in campo.

Da una parte quella di chi, non avendo né il cuore né l'intelligenza per
parlare di problemi così profondi, si è aggrappato ad un discorso
religioso, riconoscendo un valore astratto di "vita" al di là della
scelta femminile.

Ma come possono pensare di codificare per legge un rapporto d'amore? Un
figlio è prima di tutto un gesto di amore di una donna, verso se stessa,
il mondo, forse il suo compagno...

Senza riconoscere questo tutto il resto diventa merce.

È la donna che accetta dentro di sé il figlio e lo conduce nel mondo...
Non c'è legge che tenga.

Anche nella religione un dio dovette inchinarsi di fronte ad una donna,
per chiederle un atto d'amore che generasse suo figlio...

Anche la religione... ma i preti lo dimenticano.

Dall'altra l'idea femminile che i principi di autonomia,
responsabilità, utilità, riguardano persone concrete, in relazione con le
altre. E sono queste relazioni interpersonali che devono tracciare il
confine tra il giusto e l'ingiusto.

La maternità è per noi una relazione con il bambino, non un conflitto di
interessi.

Ma da uomini che distruggono le risorse del pianeta, che con la natura
che li circonda hanno un rapporto esclusivamente predatorio non ci si
poteva aspettare altro. Anche il corpo della donna è una preda da
utilizzare per il controllo e lo sfruttamento delle risorse,
dell'umanità diventata merce.

Da un sistema sociale che esporta la sua guerra per il dominio totale
ovunque gli sia possibile non ci si poteva aspettare altro che una guerra
contro il corpo della donne, ultimo luogo forse non ancora del tutto
controllato.

Ma una legge che sembra così forte può diventare una legge di cartone, se
solo noi donne vorremo riprenderla in mano. Il vittimismo non ci
appartiene e possiamo lottare con forza per quello in cui crediamo.

Rosaria Polita


Da "Umanità Nova" n. 6 del 22 febbraio 2004
http://www.ecn.org/uenne/




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center