A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Lotta di Classe n.78: Un altro duro colpo al libero esercizio del diritto di sciopero

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Fri, 13 Feb 2004 12:49:41 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Se la legge antisciopero è liberticida, ancor più sono gli orientamenti
che, contenuti nelle sue delibere, dà la Commissione di Garanzia (non
certo dei lavoratori!). Orbene, con la delibera sopra pubblicata, la
Commissione di Garanzia si è voluta sostituire al legislatore e,
dettando i suoi orientamenti in materia di sciopero generale, ha di fatto
svolto una funzione paranormativa che supera la stessa legge
antisciopero. Queste le novità principali introdotte:

1) la disciplina antisciopero fino alla delibera qui commentata aveva
escluso qualsiasi regolamentazione solo per gli scioperi proclamati in
difesa dell’ordine costituzionale o per gravi eventi lesivi
dell’incolumità dei lavoratori, mentre nulla aveva detto in ordine allo
sciopero generale.

2) Oggi, se a proclamare lo sciopero generale è una delle
confederazioni sindacali maggiormente rappresentative, anche i
sindacati di categoria che ne fanno parte debbono comunicare
formalmente la loro adesione, rispettando il termine di preavviso.

3) Per contro, lo sciopero generale, proprio perchè non viene
proclamato a fronte di specifiche rivendicazioni contrattuali, non deve
essere più preceduto dalle procedure di raffreddamento e conciliazione,
ma ciò vale solo per quelle OO.SS. che sono ritenute maggiormente
rappresentative.

4) La Commissione ritiene, infatti, che solo le confederazioni
tendenzialmente rappresentative dei vari settori e categorie possano fare
a meno delle suddette procedure; tutte le altre OO.SS. dovranno, invece,
rispettare la disciplina ordinaria e quindi richiedere ed
esperire le procedure suindicate.

5) Probabilmente la Commissione ritiene maggiormente rappresentative le
OO.SS. destinatarie della lettera del suo presidente in data 29 luglio
2003 ed indirizzata, nell’ordine, a CGIL, CISL, UIL, CISAL, CONFSAL, CUB
e UGL.

Sergio Onesti
USI Milano


http://www.lottadiclasse.it/




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center