A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova n.40: Una strada in salita. Gli scioperi di fine autunno tra blocco concertativo e sindacalismo di base

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Tue, 14 Dec 2004 10:37:39 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Venerdì 3 dicembre 2004 c'è stato lo sciopero generale indetto dalla CUB
e dall'USI. Le due manifestazioni, una a Milano e l'altra a Napoli, hanno
visto la partecipazione di diverse migliaia di lavoratrici e lavoratori,
un numero non esaltante ma, considerata la situazione, nemmeno da
sottovalutare. Era evidente, infatti, che la presenza in piazza
riguardava, essenzialmente, il corpo militante dei sindacati promotori,
che non c'erano studenti, che la sinistra politica e sindacale, con
l'eccezione della FAI, non aveva sostenuto in alcun modo la
mobilitazione.
Abbiamo avuto conferma del fatto che la base militante del sindacalismo
alternativo non è disponibile al grande abbraccio neoconcertativo
proposto da CGIL, CISL e UIL, anche con lo sciopero del 30 novembre 2004.

In diversi posti di lavoro, certamente a macchia di leopardo, l'adesione
allo sciopero ha avuto una consistenza notevole. Si tratta, ovviamente,
delle situazioni in cui il sindacalismo alternativo è riuscito a dare
espressione allo scontento di settori di lavoratori e lavoratrici.

Non va, poi, sottovalutato il fatto che settori minoritari ma non
irrilevanti del sindacalismo alternativo (Confederazione Cobas,
Slai-Cobas e Sin-Cobas) hanno scelto di mobilitarsi il 30 novembre con
CGIL, CISL e UIL e non il 3 dicembre.

Credo che il giudizio sulla mobilitazione del 3 vada dato tenendo
rigorosamente distinti i due piani di riflessione:

- la necessità di mantenere chiara nei discorsi, nelle proposte, nelle
piattaforme la distanza rispetto alle pratiche concertative dei sindacati
istituzionali. Da questo punto di vista, la scelte dello sciopero del 3
dicembre era obbligata e va giudicata in prospettiva e non sulla base dei
risultati immediati;

- un quadro generale non facile, caratterizzato da un basso livello di
mobilitazione generale e da una forte capacità di pressione da parte dei
partiti e sindacati istituzionali. Basta pensare, a questo proposito,
all'ineffabile Fausto Bertinotti che, a più riprese, ha posto l'accento,
per dimostrarne le buone ragioni, sulla partecipazione allo sciopero del
30 novembre del sindacato fascista UGL.

La forza del blocco neoconcertativo

Credo anche che il giudizio sulla riuscita dello sciopero del 30
novembre, riuscita, per molti versi, enfatizzata dimostri, certamente, la
volontà di mobilitazione da parte di milioni di lavoratori e lavoratrici
a fronte dell'impoverimento retributivo e del taglio del welfare ma, e
non dobbiamo nascondercelo, soprattutto la forza del blocco
neoconcertativo.

Molti compagni, che pure avevano segnalato un significativo disagio di
fronte alla difficoltà di costruire uno sciopero il 3 dicembre, hanno
potuto, nel confronto con i loro colleghi di lavoro, far rilevare come
non si era mai vista in maniera così esplicita una deriva neocorporativa
in occasione di uno sciopero generale.

I dirigenti di CGIL, CISL e Uil non hanno provato il minimo imbarazzo a
presentare al Governo una piattaforma congiunta con la Confindustria
dell'ineffabile Luca Cordero di Montezemolo.

Di fronte a un Governo cialtrone e populista che vanta un inesistente
taglio delle tasse, questi signori non hanno avuto alcun problema nel
rivendicare massicci finanziamenti alle imprese al fine di rilanciare
l'accumulazione capitalistica e come sua, eventuale, conseguenza una
crescita delle retribuzioni e dei servizi sociali. Nessuno di costoro ha
ipotizzato un taglio delle tasse sui salari e un aumento degli assegni
familiari.

Situazione semplice e complicata

Siamo di fronte, quindi, a una situazione assieme semplice e complicata.
Le questioni di merito che oppongono il sindacalismo indipendente a
quello concertativo sono assolutamente evidenti: salario, reddito e
diritti.

Ma queste questioni sono affogate nel comune sentire, anche di settori
che si vogliono radicali, nel brodino antiberlusconiano. È bene, su
questo punto, essere assolutamente chiari: questo governo è schifoso e le
sue scelte vanno combattute senza ambiguità. Ma vanno combattute ponendo
al centro gli interessi unilaterali della classe lavoratrice, quegli
stessi interessi che la sinistra statalista considera, ad essere buoni,
materia di scambio.

Esiste, insomma, la necessità di lavorare al rafforzamento dell'identità
del movimento di classe sapendo che non è sempre facile andare
controcorrente ma che cedere sui contenuti, e mi riferisco a contenuti
non particolarmente radicali ma semplicemente classisti, significa
pregiudicare ogni azione futura.


In prospettiva, una maggiore attenzione va posta sulla capacità, da parte
del sindacato indipendente, di porre l'accento sull'intreccio fra
democrazia assembleare, capacità di colpire l'avversario di classe,
capacità di generalizzare la mobilitazione.

È preoccupante, ad esempio, da questo punto di vista il fatto che la rete
di rapporti intessutisi fra sindacalismo di base e movimenti dei precari
negli ultimi anni il 3 dicembre non abbia funzionato. Almeno a Milano, la
composizione del corteo vedeva una presenza assolutamente tradizionale
della working class dell'industria e del settore pubblico.
Certamente la segmentazione sociale prodotta dalla modificazione del
mercato del lavoro non si supera con la buona volontà ma sarebbe sciocco
nascondersi il fatto che è oggi un problema centrale da affrontare.

La stessa buona riuscita in diverse città dello sciopero indetto il 1
dicembre dai sindacati di base nel settore dell'autotrasporto urbano è
una prova a contrario di quanto affermiamo. Dove, e certamente il
carattere categoriale della mobilitazione ha favorito questo processo, la
differenza delle proposte e dei percorsi è evidente e dove è stato
possibile mantenere l'unità del sindacalismo alternativo, la
mobilitazione riesce e apre prospettive interessanti per l'immediato
futuro.

Se una lezione dobbiamo trarre da questa settimana di mobilitazione
consiste nella necessità di porre l'attenzione sull'efficacia
comunicativa dell'azione del sindacalismo indipendente, sulla capacità di
parlare a settori larghi di lavoratori e lavoratrici, sull'urgenza di
tendere comprensibile, non a chi è già convinto ma all'assieme del lavoro
dipendente, la necessità di rompere con ogni ipotesi neocorporativa e di
affermare l'autonomia sociale dei lavoratori.

Un percorso non facile che si intreccia con l'esigenza di evitare
arroccamenti di tipo organizzativo e capacità di coinvolgere nella
costruzione degli scioperi il maggior numero possibile di lavoratori e
militanti. Un percorso, d'altro canto, necessario.

Cosimo Scarinzi

da Umanità Nova, numero 40 del 12 dicembre 2004, Anno 84
http://www.ecn.org/uenne




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center