A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkįe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Israele/Palestina: Azione contro il Muro a Beit Ula il 3 dicembre (en)

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Wed, 8 Dec 2004 15:28:17 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Oggi, la gente di Beit Ula č riuscita a fermare i lavori di costruzione
della gigante gabbia che forma la barriera della separazione. Per il
secondo giorno di seguito i lavori erano fermi e non ci sono stati feriti
che necessitavano cure mediche. L'esperienza ha lasciato il villaggio con
un senso di forza e una rinnovata determinazione di tornare giorno dopo
giorno a resistere contro il Muro.
Alle ore 11,30 circa 300 palestinesi, israeliani e internazionali si sono
uniti per "le preghiere del venerdė" sulle terre di Beit Ula, vicino al
cantiere. A differenza del giorno prima, la manifestazione di oggi ha
visto anche la partecipazione dello sciabāb e dei bambini. Ma come ieri,
e a differenza di ciō che succede negli altri villaggi, neanche una donna
palestinese ha partecipato alla manifestazione.

Finite le preghiere dei palestinesi, i manifestanti si sono divisi in tre
gruppi. Un gruppo si č indirizzato verso i militari mentre gli altri due
gruppi dovevano cercare di passare i militari ai fianchi. Sarā stato
ovvio ai militari che non avevano speranza a bloccare la gente, e cosė le
ruspe sono state ritirate dal cantiere prima che la folla potesse
arrivare. Riuscendo a passare i militari, era ovvio allo sciabāb [la
folla dei giovani] che potevano raggiungere il cantiere e hanno
ciminciato a correre lungo il fianco della collina, ignornado i
lacrimogeni che volavano sopra, troppo lontani per ferire. A quel punto
gli altri gruppi hanno passato i militari che erano intenti a seguire lo
sciabāb, e si sono uniti al cantiere.

Al punto preciso dove le ruspe squarciavano la collina, i manifestanti
hanno deciso di mantenere le loro posizioni. L'organizzazione era molto
disciplinata, abbastanza perché la gente potesse sedersi per terra quando
i militari hanno cercato di elevare la tensione. Come il giorno prima,
non č stato lanciato nemmeno un sasso, anche in presenza dello sciabāb.

https://israel.indymedia.org/usermedia/image/6/1263_beit-ula-03-12-04-reuters.jpg
Il vice-sindaco Abu al-Abed ha fatto un discorso (tradotto da Billal
Adam), seguito da un attivista israeliano, Abu Na'im. Il vice-sindaco ha
rivendicato la sospensione dei lavori finché la corte non avesse emesso
una sentenza nella causa portato avanti dal villaggio contro la
costruzione del Muro. Poi, si č rivolto ai militari druzi che sanno
l'arabo, dicendo: "saprete che le nostre azioni sono considerati
favorevolmente da dio e sono sicuro che voi sentite vergogna per le
vostre azioni... non vogliamo lottare contro di voi e nemeno contro lo
Stato israeliano e se portate il Muro fina alla Linea Verde, non avrete
questa lotta". Anche l'attivista israeliano si č rivolto ai militari.
Quando gli hanno detto che la zona era una zona chiusa militare, ha
risposto invece che fosse proprietā della gente di Beit Ula.

Kobi Snitz

Traduzione di nmcn/ainfos
Foto dell'azione a:
https://israel.indymedia.org/usermedia/image/4/1263_beit-ula-03-12-04-reuters2.jpghttps://israel.indymedia.org/feature/display/1263/index.php





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center