A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Russia: Primo giorno del processo contro Aleksei Cerepanov e appello (en)

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Fri, 13 Aug 2004 22:22:12 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

E' iniziato il 12 agosto il processo contro Aleksei Cerepanov nel
tribunale distrettuale Sovetski di Krasnodar. Sono stati interrogati 3
testimoni per lo Stato, due ufficiali della Gosnarkokontrol e un
testimone "dalla strada". Rispondendo alle domande dal giudice e
dall'avvocato di Aleksei sull'arresto di Aleksei in via Tramvainoe il 12
maggio e la perquisizione illegale della stanza il 19 maggio, hanno detto
di non ricordarsi come sono andati i fatti e che bisognava fare
affidamento ai verbali del caso, in un ovvio tentativo di non
raccontare versioni diversi. L'avvocato della difesa ha chiesto perche'
Aleksei non fosse presente durante la perquisizione, al che un
testimone ha risposto: "non lo so"!

La Gosnarkokontrol ritiene, dal momento che la stanza di Aleksei e Oksana
non e' di loro proprieta' ma solo in affitto, che sia
sufficiente chiedere il consenso del amministratore della casa per poter
entrare!

I testimoni non hanno potuto spiegare perche' hanno confiscato, oltre a
delle quantita' di "droghe", del materiale "estremista". Il giudice,
Vladimir Gavrilovich, ha chiesto ad un testimone perche' considerava
questa materiale stampata estremista, la risposta essendo "e' la mia
opinione personale".

Non sono stati avvistati agenti dell'FSB [ex-KGB -tr.] nell'aula, fatto
che potrebbe indicare una resa da parte loro nel tentativo di
fabbricare una causa contro il giornale "Avtonom".


***

Esistono due petizioni per Aleksei Cerepanov, uno per le
individualita', l'altra per i gruppi e le organizzazioni. I gruppi
possono anche essere informali purche' ci siano tutti le informazioni
necessarie. Si possono firmare le petizioni online ai seguenti
indirizzi:

http://anarchistblackcross.org.ru/ljosha/petition.php (per
individualita')
e
http://anarchistblackcross.org.ru/ljosha/org_pet.php (per gruppi e
organizzazioni)

Purtroppo il modulo per la firma e' disponibile solo in lingua russa.
Speriamo di renderlo disponibile anche in inglese tra qualche giorno.
Sotto traduciamo le due petizioni, la prima per le individualita', la
seconda per i gruppi. Se sapete tradurre le petizioni in altre lingue,
inviateceli!


*********

Appello contro la detenzione di Aleksei Cerepanov

Il 12 maggio 2004, Aleksei Cerepanov, antifascista, anarchico e
giornalista indipendente, e' stato arrestato e fermato per 9 giorni da
ufficiali della Gosnarkokontrol a Krasnodar in Russia. Durante
l'arresto, gli e' stato infilato in tasca un grammo di marijuana, ed e'
stato arrestato "per essersi rifiutato di seguire le ordini degli
ufficiali della Gosnarkokontrol". Altra droga - 24g. di marijuana e 2g.
di eroina - e' stata "trovata" nel suo appartamento quando sono entrati
con forza il 19 maggio alcuni ufficiali, senza un ordine della corte e
senza che ci fosse la presenza degli inquilini o altri testimoni
(necessario sotto la legge russa). Il 24 maggio, Cerepanov e' stato di
nuovo arrestato e mandato al carcere di Krasnodar in attesa di
processo, con l'accusa di possesso di droga (Statuto 228, prima parte,
del Codice criminale russo). Ora, questo uomo innocente, che non ha mai
fatto uso di droghe, rischia carcere per fino a tre anni.

La persecuzione per via del proprio pensiero diventa presto una
tradizione a Krasnodar. Siamo sicuri che la causa contro Cerepaniv sia di
origine politica. La Gosnarkokontrol esegue gli ordini dell'FSB, che
intende fare i conti con gli attivisti. Non c'e' altra spiegazione per
l'interesse mostrato nell'attivita' politica di Cerepanov durante le
interrogazioni e nel materiale stampata anarchica confiscato
dall'appartamento.

Chiediamo urgentemente la liberazione di Aleksei Cerepanov,
l'archiviazione della causa contro di lui e una fine alla respressione
contro gli anarchici di Krasnodar. Ognuno di noi potrebbe trovarsi nella
stessa posizione di Cerepanov un giorno. Se vuoi aiutare Aleksei ed altri
che potrebbero diventare vittimi della repressione, unisciti alla nostra
campagna di protesta! Firmate questa petizione!

Cognome:
Nome:
E-mail:
Occupazione:
Citta':
Indirizzo:
Commenti (per il gruppo di appoggio):

*******

Appello di gruppi e organizzazioni contro la detenzione di Aleksei
Cerepanov

Noi, i rappresentanti di gruppi e organizzazioni, siamo molto
preoccupati riguardo alle azioni dell'FSB e della Gosnarkokontrol della
zona di Krasnodar nei confronti del giornalista e antifascista Aleksei
Cerepanov.

Il 12 maggio 2004, Aleksei Cerepanov, antifascista, anarchico e
giornalista indipendente, e' stato arrestato e fermato per 9 giorni da
ufficiali della Gosnarkokontrol a Krasnodar in Russia. Durante
l'arresto, gli e' stato infilato in tasca un grammo di marijuana, ed e'
stato arrestato "per essersi rifiutato di seguire le ordini degli
ufficiali della Gosnarkokontrol". Altra droga - 24g. di marijuana e 2g.
di eroina - e' stata "trovata" nel suo appartamento quando sono entrati
con forza il 19 maggio alcuni ufficiali, senza un ordine della corte e
senza che ci fosse la presenza degli inquilini o altri testimoni
(necessario sotto la legge russa). Il 24 maggio, Cerepanov e' stato di
nuovo arrestato e mandato al carcere di Krasnodar in attesa di
processo, con l'accusa di possesso di droga (Statuto 228, prima parte,
del Codice criminale russo). Ora, questo uomo innocente, che non ha mai
fatto uso di droghe, rischia carcere per fino a tre anni.

Gli ufficiali amministrativi della Gosnarkokontrol della zona di
Krasnodar hanno commesso un'abbondanza di violazioni di diritti umani
quali:
* la perquisizione illegale di un appartamento
* la raccolta illegale di informazioni riguardanti la vita privata di una
persona senza il suo consenso
* la violazione illegale della sua vita privata
* la violazione del diritto di riservatezza per la sua posta e
corrispondenza.

Cio' significa che sono stati violati gli Statuti 25, 24 e 23 della
Costituzione della Federazione Russa in contraddizione degli Statuti 139,
138 e 137 del Codice Criminale della Federazione Russa. Inoltre, sono
state commesse altre infrazioni durante l'investigazione.

L'interesse infondata degli ufficiali della Gosnarkokontrol nel ruolo di
Cerepanov nella pubblicazione di materiali anarchici e le confische
avvenute durante la perquisizione fanno pensare ad una motivazione
politica dietro il caso, apparentemente montato.

Chiediamo urgentemente la liberazione di Aleksei Cerepanov e che i suoi
diritti legali vengano rispettati. Chediamo inoltre che le violazioni
della legge commesse durante l'investigazione vengano studiati dalle
autorita' giudiziali.


Organizzazione/gruppo:
Indirizzo:
Telefono/fax:
E-mail/sito web:
Nome della persona che firma:


Traduzione di ainfos




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center