A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova n.13: Scempio della dignità - Sgombero e deportazione

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Thu, 15 Apr 2004 09:38:53 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Mai sgombero di una casa occupata fu più annunciato. Sin da metà marzo
sulle pagine milanesi dei quotidiani veniva indicato il bubbone da
eliminare: l'occupazione di via Adda; siamo in tempo di elezioni e il
tema della sicurezza e della paura del "diverso"si deve buttare in pasto
alla gente. Provocazioni di tutti i generi venivano effettuate nella
settimana precedente allo sgombero verso gli abitanti della casa, non
ultima quella (capolavoro della provocazione poliziesca e comunale) di
far arrivare una pattuglia della polizia, fermare dei bambini e
all'arrivo dei genitori sparare in aria per simulare aggressioni, così da
sbattere su tutti i giornali quanto fossero cattivi i Rom, o rumeni, o
gli zingari, o gli immigrati... qualsiasi nome va bene.

Il 1 di aprile, come annunciato, le forze del disordine, sotto la più
assoluta indifferenza della cittadinanza di Milano effettuavano "la più
grossa operazione di pulizia (polizia)" avvenuta in città.

Con un grande dispiego di forze di polizia, esercito, vigili del fuoco,
veniva sgomberato uno stabile occupato da quasi 2 anni da famiglie
rumene.

Potrebbe sembrare ridicolo se non fosse tragico: queste stesse famiglie
erano state sgomberate due anni fa da via Barzaghi: le ruspe avevano
buttato giù tutto e disperso gli abitanti del campo. Oggi, dopo questo
nuovo sgombero, gli immigrati regolari (poche decine) sono stati
riportati in via Barzaghi. Per gli altri, gli irregolari, due aerei
charter erano pronti per il rimpatrio forzato.

Uno sgombero senza violenze, afferma il questore. Come se prendere
centinaia di persone dalla loro casa, brutta e fatiscente forse, ma pur
sempre la casa migliore che erano riusciti a sistemare, e gettarli in
container o tende non fosse violenza. Come se dividere persone che da
anni convivevano non fosse violenza. Come se non fosse violenza
prendere dei bambini e separarli dai loro compagni di scuola e
portargli via i loro giochi ed i loro spazi. Come se non fosse violenza
mandare via con la forza dall'Italia più di 150 persone che qui
volevano vivere...

Come se...

E la città continua a vivere come se non fosse successo nulla.
L'ipocrisia ed il razzismo si respirano sempre più profondamente
nell'aria di questa città. In via Barzaghi le tende i container sono ora
"protetti" da un alto muro di cemento, con il filo spinato in alto.
Nessuno da fuori deve vedere; nessuno da dentro deve poter credere di
appartenere alla società di "fuori". A dividere il dentro ed il fuori
pattuglie di poliziotti...

Le stesse che il giorno dello sgombero stazionavano in via Adda fino a
notte inoltrata, quando ormai non c'era più nulla da sgomberare, ma era
necessario farsi vedere, mostrare i muscoli.

Milano, civilissima città della moda e dell'edonismo, rifiuta di
guardare come è diventata. Una città che è stata centro di
immigrazione, città operaia, martoriata dal terrorismo di stato ma che
allo stesso tempo ha saputo reagire alla strage di piazza Fontana e
all'omicidio di Giuseppe Pinelli oggi invece diventa campione di
razzismo.

Noi sappiamo che altri mondi sono possibili e certamente a Milano i
segnali ci sono. Segni di autorganizzazione sono visibili: dalle lotte
autogestite degli autoferrotranvieri, dei lavoratori della scuola e della
sanità ai centri sociali e tutti i compagni e compagne che hanno difeso e
impedito il silenzio con la loro presenza libertaria su questo scempio
della dignità umana.

ReA


Da Umanità Nova, numero 13 dell'11 aprile 2004, Anno 84
http://www.ecn.org/uenne





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

INFO: http://ainfos.ca/org http://ainfos.ca/org/faq-it.html
AIUTO: a-infos-org@ainfos.ca
ABBONARSI: invia una mail a lists@ainfos.ca contenente nel
corpo del messaggio "subscribe (o unsubscribe) nomelista vostro@email".

Le opzioni per tutte le liste a http://www.ainfos.ca/options.html


A-Infos Information Center