A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003 | of 2004

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Alternativa Libertaria, 03/04: Gli estenuati miracolati della new economy

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Fri, 2 Apr 2004 11:35:26 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Com'è difficile riprendere la propria coscienza così "sic et
simpliciter" di comune lavoratore ai giorni nostri, i giorni della mitica
e tanto osannata new economy! Comune lavoratore, come sempre e ancor più
adesso sei identificato con un numero di matricola
meccanografica e sino a qua lo abbiamo sopportato, il tragico del tuo
esistere lavorativo comincia quando sei stato classificato nel tuo ruolo
come risorsa precisa da inserire, manipolare utilizzare,
assoggettare, torcere e sfruttare al meglio e se il caso rivendere.

Merce da vendere e mercanteggiare, semplici oggetti di scambio,
interfunzionali.

Così canonizzato ai gusti aziendali, ricattato ed isolato, ribellarsi
sarà impossibile pena il martirio dell'isolamento, del mobbing, del
ricatto.

L'economia gira e deve girare a favore del bussines, della
competitività, del profitto finanziario, ciò chiaramente autorizza le
aziende ad applicare in nome per conto del mercato regole sempre più
libere e serrate, obbligando i lavoratori a regimi di lavoro sempre più
estenuanti.

I segnali di queste svolte epocali sono sempre più evidenti agli occhi
anche dei più distratti, gli abusi di potere aziendale non solo si
evincono nelle piccole industrie o nelle società di piccola stazza, ma
anche in società che vantano, o che vantavano rapporti sindacali con i
lavoratori di storica intesa; cito il caso della t.i.m. Società del
gruppo telecom-pirelli, questa vicenda ha dell'assurdo e fa riflettere
molto.

Gennaio 2004: i tranquilli e sereni lavoratori del 119 (TIM, gruppo
telecom-pirelli) si vedono calare dall’alto direttive aziendali che
impongono cinque matrici consecutive di turni serali e notturno.
Significa separare giorno di libertà e i riposi consecutivi. Solo dopo un
mese di questo inferno, finalmente lo sfinito operatore del 119 potrà
godere di una matrice di turno che gli consentirà per una
settimana di conciliare un riposo e una libertà vicini. Considerato il
servizio che il 199 offre (c'è solo da rispondere al cliente,
risolvergli il problemino e possibilmente vendergli altri servizi) non si
tratta di rinforzare il centralino del pronto soccorso o dei
pompieri.

Si tratta di modificare però la vita di normali lavoratori che,
peraltro, percepiscono dei salari bassi, peggiornado drasticamente la
qualità della vita. Rinforzare le fasce notturne, quando l’asssistenza
notturna era già sufficiente è stata solo una mera operazione di
facciata, d'immagine, alla faccia della qualità di vita dei lavoratori. I
lavoratori sono scesi in campo e hanno protestato e gridato a gran fiato
il loro disappunto, hanno fatto degli scioperi tutti
riuscitissimi,e poi hanno anche realizzato un giorno d'assemblea
permanente nell'attesa d'una risposta veramente seria da parte di
relazioni industriali, sono ancora in attesa, confidando per il momento
nella negoziazione sindacale, pur temendo di ottenere così dei
contentini, piccoli ritocchi d'appannaggio.

Oggi più di ieri è necessario gridare all'allarme sociale: una
concezione sempre più subdola di sfruttamento si va sempre più
infiltrando in tutti i generi e settori lavorativi. Bisogna cogliere
tutti i segnali, anche quelli apparentemente deboli, e denunciare a viva
voce tutti i soprusi. Non più sotto il ricatto dei padroni, ma sin da
adesso bisogna reagire collettivamente per correggere il tiro per il
riscatto di una esistenza più dignitosa e libera.

(Agnese - PA)


da Alternativa Libertaria, marzo 2004
foglio della Federazione dei Comunisti Anarchici

http://www.fdca.it




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center