A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ TŘrkše_ The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) 3░ Incontro del Sindacalismo Alternativo, 3-5 ottobre,

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Tue, 14 Oct 2003 15:42:20 +0200 (CEST)


Barcelona (pt,en)
Sender: worker-a-infos-it@ainfos.ca
Precedence: list
Reply-To: a-infos-d-it

________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

L'incontro si Ŕ svolto con la partecipazione delle seguenti
confederazioni e sindacati: ESK (Paesi Baschi); CUB (Italia);
USI (Italia); UNICOBAS (Italia); SUD (Francia); CNT (Francia);
"Ecole ŔmancipeŔ"(Francia); ORSA (Italia); SAC (Svezia); SUD-P
(Svizzera); SU (Spagna e l'organizzazione ospitante CGT
(Spagna). Inoltre attivisti provenienti dalla Turchia, dal
Marocco e dal Portogallo.

I lavori di commissione sono stati organizzati su 2 livelli: il
giorno 3 per settore ed il giorno 4 per sessioni trasversali,
come pure le sessioni plenarie che si sono concluse con
l'approvazione di un documento di sintesi, che deve essere
ratificato dalle organizzazioni presenti entro 2 mesi.

I settori rappresentati erano: Scuola, Servizi Pubblici, Poste,
Ferrovie, Metalmeccanici, Informazione, SanitÓ, Credito ed
Assicurazioni.

Le conclusioni dei lavori di commissione hanno messo in evidenza
le principali sfide che le organizzazioni nazionali o regionali
devono affrontare. Dai documenti conclusivi delle commissione di
settore, si ricava che la grande imprenditoria e gli Stati,
inseguendo il modello neoliberista, sottopongono i lavoratori e
le popolazioni a misure del tutto simili, nonostante le
differenze da paese a paese nella loro applicazione procedurale.
Vanno citati i processi di deregolamentazione nelle relazioni
industriali, la cosiddetta "flessibilitÓ", usata come passo
iniziale o in concomitanza di privatizzazioni di interi settori
, con gravi conseguenze per le popolazioni e per quegli aspetti
che riguardano la sopravvivenza ed il benessere.

E' stata rilevata ia crescente "precarietÓ" che affligge tutti i
settori, uscendo dall'ambito dei rapporti di lavoro per colpire
molteplici aspetti della vita sociale.

A causa della grande rilevanza e del carattere trasversale di
materie quali quella delle donne, dell'immigrazione, della
"precarietÓ", della previdenza e della spesa sociale, sono stati
attivate commissioni specifiche.

Al di lÓ della diagnosi condivisa, nelle conclusioni generali si
evidenziano i seguenti punti:

- spetta alle organizzazioni italiane presenti organizzare il
prossimo incontro; gli incontri assumeranno una cadenza annuale;

- prosegue il coordinamento autonomo per settore, consenetendo
nuove adesioni;

- nei prossimi 3 mesi si svolgerÓ un dibattito tra le
organizzazioni presenti per stabilire come realizzare il
coordinamento di settore; la CGT spagnola ha presentato un
invito per un meeting operativo nella primavera del 2004.

E' stato proposto di creare 4 gruppi di lavoro permanenti su:
a) donne
b) immigrazione
c) previdenza e spesa sociale
d) precarietÓ

I compagni che hanno partecipato a queste commissioni sono stati
invitati a proseguire il loro lavoro.

- su previdenza e spesa sociale ci sarÓ una iniziativa comune.
Questa campagna si svolgerÓ da novembre al 1░ maggio 2004, con
contributo finanziario e militante dei sindacati, con ampia
diffusione sull'attivitÓ sindacale di ciascuno al riguardo a
tutt'oggi, produzione di testi comuni, volantini e manifesti,
come pure condivisione delle informazioni di modo che si possa
avere una percezione globale della campagna e dei suoi riflessi
sui media; avanzate proposte di azione per gli inizi di
febbraio;

- la cooperazione nel lavoro sull'immigrazione sarÓ
intensificata ed ampliata, consentendo una diffusione
orizzontale delle informazioni.

Ci si Ŕ resi conto di quanto sia necessario far conoscere in
altri paesi le lotte e mobilitazioni sostenute dai sindacati
presenti.

E' stato approvato un documento di solidarietÓ con Laura Riera,
detenuta in modo arbitrario da 2 anni, senza processo, accusata
di complicitÓ con l'ETA, ma senza riscontri oggettivi (il
processo Ŕ poi iniziato senza vere prove contro di lei); inoltre
c'Ŕ stata una mozione di solidarietÓ con i diversi centri
sociali e squats di barcellona, contro il tentativo di
sgomberare in particolare la Casa de la Montanya che Ŕ uno squat
sociale attivo da 12 anni; una mozione di solidarietÓ con i
lavoratori del Marocco e di altri paesi, da cui proviene la
vasta maggioranza degli ultra-sfruttati, i cosiddetti "illegali"
che lavorano in Spagna.

Durante il convegno c'Ŕ stata una forte manifestazione di
solidarietÓ (da 3mila a 5mila partecipanti) con gli squats
sociali di Barcellona, che rischiano lo sgombero, a cui hanno
partecipato diversi compagni presenti al convegno.

Per quanto riguarda la logistica, la locale CGT catalana e di
Barcellona hanno organizzato un efficace servizio di traduzione
simultanea in spagnolo-francese-inglese per la sessione plenaria
(mentre nei lavori di commissione la traduzione simultanea era
affidata ai partecipanti).
E' stato garantito un servizio di fotocopiatura e di traduzione
dei documenti elaborati durante i lavori. Molto apprezzato il
servizio di ristorazione preparato dalla CGT catalana, in
particolare la sera del sabato.

L'atmosfera generale era pervasa da uno spirito costruttivo e
convergente, tanto pi¨ necessario in quanto questi sindacato
rappresentano nei loro rispettivi paesi e nell'intera Europa una
risposta organizzata alquanto unica agli attacchi neoliberisti,
in contrasto col sindacalismo concertativo, riformista e
"aggregato" ai burocrati della UE o della CES.

Le organizzazioni presenti a Barcellona sono sindacati di base,
perchŔ Ŕ nella base che risiede il vero livello decisionale
(tanto Ŕ vero che tutti i documenti approvati devono essere
ratificati dalle organizzazioni dei differenti paesi per poter
divenire posizioni ufficiali); pronte alle lotte, anche dure,
come i recenti scioperi della scuola in Francia oppure gli
scioperi e le mobilitazioni in Italia, queste organizzazioni
sono cresciute parecchio negli anni recenti e sono in grado di
lanciare e sostenere importanti mobilitazioni, in modo autonomo
dalle confederazioni sindacali burocratiche.
(...)"

(resoconto a cura di Manuel Baptista per A-Infos e il giornale
portoghese "A Batalha")

[trad.- dr/fdca]





*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center