A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) A ROVERETO, SABATO 12 LUGLIO

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Thu, 10 Jul 2003 19:58:21 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Da: "anarcotico.net" <info@anarcotico.net>

PRESIDIO CONTRO OGNI FASCISMO E OGNI RAZZISMO
A ROVERETO, SABATO 12 LUGLIO, LARGO POSTA ORE 18

LA SOLIDARIETÀ È UN'ARMA

Sabato 12 luglio organizziamo a Rovereto un presidio contro ogni fascismo
e contro ogni razzismo. Tenuto conto del clima di linciaggio mediatico e
politico che si respira in città, invitiamo i compagni da fuori a
partecipare numerosi. Cerchiamo di riassumere un po' la situazione.

Dopo varie occupazioni conclusesi con degli sgomberi nei mesi precedenti,
il 9 giugno una cinquantina di persone rioccupa uno stabile vuoto da
tempo. Nel rifiuto di ogni trattativa con le autorità e di ogni rapporto
con i mass media, l'occupazione dura quasi un mese (finora la più lunga).
Quotidiane sono le iniziative all'insegna della gratuità (cene, concerti,
proiezioni) e contro ogni gerarchia. Come "appuntamenti segreti fra le
generazioni", vengono organizzati due incontri, uno sui Consigli operai e
un altro sull' esperienza degli Arditi del popolo e sulla resistenza
sconosciuta. Oltre alle discussioni quotidiane su vari temi, si svolge un
dibattito sulla devastazione ambientale alla luce dei vari progetti di
nocività che coinvolgeranno le vallate circostanti (autostrade, alta
capacità
ferroviaria, inceneritore, impianti di risalita). La partecipazione è
buona. Quasi tutti i giorni usciamo in città con attacchinaggi e scritte,
affrontando soprattutto la questione della casa e della speculazione
immobiliare, ma anche quella degli spazi collettivi, del controllo
urbanistico e sociale. Ignoti rovesciano della spazzatura nell'atrio del
municipio come contributo in merito alle menzogne giornalistiche sugli
occupanti che insozzano i. giardini pubblici. Dopo quasi un mese,
appunto, lo sgombero per ordine pubblico (in assenza, cioè, della querela
da parte del proprietario dello stabile). I compagni sono preparati
all'evenienza, quindi più di cento celerini - soprattutto di Padova -
arrivano per sgomberare uno stabile. vuoto: i compagni sono già usciti,
per occupare un altro spazio la sera stessa. Questa volta, nel giro di
mezz'ora gli sbirri sono pronti per sgomberare, mobilitando tutte le
forze disponibili (polizia, carabinieri, vigili urbani, guardia di
finanza, vigili del fuoco). Gli anarchici decidono allora di uscire e
andarsene, con otto volanti che tentano di fermare una decina di compagni
senza riuscirci. i giornali dovranno inventarsi le versioni più
inverosimili.

AN e Forza Italia annunciano un presidio davanti al Bocciodromo occupato
per pretenderne lo sgombero. Nonostante la polizia abbia già svolto
l'infame compito, AN decide di fare un presidio in città per invocare la
repressione degli anarchici e denunciare la "mancanza di fermezza" da
parte della giunta di centro-sinistra. Una quindicina di compagni
scendono in piazza per opporsi e si trovano di fronte in qualche istante
più di trenta fascisti, tra cui vari del Veneto Fronte Skinead, con tanto
di bastoni, celtiche, saluti romani e "boia chi molla": uno spettacolo
che a Rovereto non si vedeva da anni. I compagni rimangono in piazza
finché possono, poi partono in mini-corteo tracciando scritte sui muri in
ricordo di Dax e contro i fascisti. Non una parola da parte degli
antifascisti roveretani. Mentre riportano le foto di bastoni e saluti
romani, i giornalisti continuano a parlare genericamente di "giovani di
destra", oppure giocano la carta sporca degli opposti estremismi (anche
mesi prima, dopo varie scritte razziste a Trento, avevano riportato come
pericoloso precedente gli attacchi. alle sedi della lega e di AN).

Mentre ignoti sfasciano le vetrine di alcune agenzie immobiliari e
incendiano il portone dell'anagrafe, un gruppo di anarchici lunedì scorso
volantina in città sulla questione delle case e degli spazi sociali,
contro gli sgomberi e la speculazione immobiliare. Al megafono e sui
manifesti si spiega cos'è accaduto sabato in piazza. Ad un certo punto
passa il capogruppo di AN Pappolla. Un compagno lo avvicina insultandolo
per i nazisti veronesi che il suo partito ha chiamato sabato. Il fascista
alza le mani per primo e si becca un pugno in faccia. Per i giornali,
imbeccati da costui, si è trattato di un pestaggio di sette contro uno,
con il fascista preso a calci mentre era già a terra. Foto, ambulanza,
lettino d'ospedale, giornalisti accolti in casa sdraiato a letto. il
consigliere inscena un patetico spettacolo. Il risultato è un clima di
linciaggio. Il portavoce dei Disobbedienti e consigliere comunale di
Rifondazione "comunista", Donatello Baldo, si reca al pronto soccorso per
esprimere la sua solidarietà al fascista e definisce "squadristica"
l'azione. dei compagni. I "Comunisti" italiani invocano la galera. Vi
lasciamo immaginare le posizioni della sinistra più moderata e quelle
della destra (il consigliere provinciale di AN dichiara: "Andremo a
prenderli uno per uno"). Per il quotidiano locale di centrosinistra i
compagni in città sono "una squadraccia che volantina". L' Unione dei
commercianti pretende il pugno di ferro. Il commissario minaccia di
massacrarci in piazza e si becca un comizio volante contro di lui, contro
la repressione, contro i documenti, comizio piuttosto apprezzato da
alcuni immigrati. Il questore di Trento promette arresti e fogli di via,
ed annuncia l'arrivo di squadre speciali anticrimine da Napoli. Gli
sbirri non hanno mai avuto le mani così libere. Intanto, ignoti bruciano
tre auto della Telecom lasciando, a detta dei giornali, un breve
volantino contro il capitale e le multinazionali.

Nessun lamento. Quando per anni si critica radicalmente il potere e tutti
i suoi servi, il vecchio mondo fa quadrato per difendersi. Ciò che è
imperdonabile per tutti i politici, non è certo la violenza, di cui lo
Stato ha il monopolio, bensì la pratica dell'azione diretta e il rifiuto
di ogni dialogo con chi sfrutta ed opprime. Se questo è il crimine, siamo
tutti criminali.

Ora per noi è fondamentale parlare in piazza di quello che sta accadendo
in città e più in generale degli attacchi alle condizioni di vita di
tutti (non ci interessa parlare di noi stessi, bensì difendere idee e
pratiche), anche per capire dove finisce l'isolamento politico-mediatico
e dove comincia quello sociale. Vorremmo insistere soprattutto sulla
lotta al razzismo e sulla solidarietà con gli immigrati. AN ha già
annunciato una contro-manifestazione e i fascistelli locali si fregiano
di chiamare i loro camerati del Veneto Fronte Skinead, di Bergamo e di
altre città.

Nessuno ci deve togliere la possibilità di parlare.

alcuni anarchici roveretani




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center