A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) Ennesima azione squadrista dei disobbedienti (en)

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Sun, 6 Jul 2003 11:42:57 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

In risposta alla retata razzista dei carabinieri contro i
migranti, avvenuta lunedì 30 giugno in P.zza Risorgimento a
Pordenone, assieme alle realtà antagoniste e antirazziste locali
abbiamo organizzato per il sabato successivo (5 luglio) un
presidio interetnico e festoso, con interventi, musica, cibo e
filmati.

La protesta, pacifica e colorata, che ha visto la partecipazione
di numerosi immigrati, ha espresso con determinazione la
contarietà alla legge Bossi-Fini, rivendicando l’agibilità agli
spazi pubblici e ai luoghi di socialità.

Mentre tutto si svolgeva tranquillamente, durante vari
interventi al microfono aperto, è avvenuto un fatto gravissimo,
attraverso una pratica ormai consolidita nel Nord-Est.

Un compagno del Circolo Libertario E. Zapata, mentre stava
chiaccherando con altri compagni/e, è stato colpito a freddo da
una testata in piena faccia da parte di un disobbediente che
aveva appena finito di parlare al microfono.

Le motivazioni addotte sembrano essere dei fischi ricevuti
durante il suo intervento. Nonostante la violenza e la bagarre
che ne è scaturita si è riusciti a evitare che una festa
antirazzista degenerasse a causa di squadristi con l’ennesimo
abito nuovo.

La tecnica è sempre la stessa, poco importava capire chi o
perché qualcuno aveva fischiato. Secondo questi stalinisti
bisogna individuare un "capo" e attraverso la violenza e
l’aggressione stabilire subito i rapporti di forza.

Così è stato per il compagno del Circolo Zapata, probabilmente
ritenuto da questo troglodita il "capo degli anarchici".

C’è da notare che questo personaggio non è di Pordenone ne ha
mai fatto o partecipato ad alcun tipo di attività in loco, al
contrario del nostro compagno che oltre ad essere membro del
direttivo dell’Associazione Immigrati di Pordenone, partecipa da
sempre alle lotte antirazziste, per i diritti e le libertà dei
migranti.

Ovviamente la calata del personaggio è come da copione
accompagnata per l’occasione da altri disobbedienti della
regione (Trieste e Monfalcone).

Questa non è che l’ennesima dimostrazione di quale politica
intendano praticare i sedicenti disobbedienti del nord-est che,
avulsi dal contesto in cui tentano d’insediarsi, hanno come
obiettivo la "conquista" del territorio come nella più becera
prassi colonialista.

Non solo condanniamo quanto avvenuto, né accettiamo lo
squadrismo come pratica politica, ma affermiamo con forza che
non tollereremo nessuna ulteriore aggressione a compagni e
compagne.

Queste pratiche e chi continua a portarle nel movimento devono
essere rigettate con fermezza, non è più possibile continuare a
ignorare una prassi continua e sistematica con la scusa o il
pretesto di farle passare come "beghe" o "questioni personali".

Se codesti signori pensano di risolvere i loro problemi di
egenomia in Friuli attraverso il linciaggio s’accorgeranno
presto di avere sbagliato strada.

Esprimiamo la massima solidarietà al nostro compagno aggredito.


Le compagne e i compagni del Circolo Libertario E. Zapata

http://www.zapatapn.org/




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center