A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ All_other_languages _The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) Sylvia Rivera * Tutta un'altra storia

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Fri, 21 Feb 2003 10:49:55 +0100 (CET)


 ________________________________________________
      A - I N F O S  N E W S  S E R V I C E
            http://www.ainfos.ca/
        http://ainfos.ca/index24.html
 ________________________________________________

Da: "[antagonismogay]" <agaybologna@ecn.org>

Sylvia Rivera. Tutta un'altra storia.

Il 19 febbraio ricorre il primo anniversario della morte di Sylvia Rivera
e a Bologna, venerdi' 21, trans, gay, lesbiche, donne e soggetti
libertari ne ricorderanno l'esperienza e il grande contributo alla lotta
per i diritti civili e al movimento di liberazione. Una giornata di
dibattito, seminari, mostre, proiezioni video organizzata da MIT,
[antagonismogay] e SexyShock al TPO.

A partire dall'esigenza di fare la genealogia della nostra esperienza, di
ricercare le tracce di una storia che ci appartiene, che lega con fili
invisibili il nostro agire e le nostre pratiche a quelle di chi ci ha
preceduto, dedicando la propria vita alla lotta per rivendicare
riconoscimento, una vita dignitosa e libera, diritti e liberta' per i
soggetti oppressi. Vite e percorsi che spesso la storia ufficiale omette,
cancella o stravolge, frutto come e' di una continua reinterpretazione e
riscrittura ad uso e consumo dei poteri via via egemoni. Sottrarli
all'oblio e' responsabilita' di una controstoria dal basso di cui siamo
collettivamente soggetto e oggetto, tutta un'altra storia, appunto.
Parliamo di 40 anni di esperienza GLBTQ in Italia e nel mondo, anni di
deliri e follie, di lacrime e fragorose risate, di lotte per la liberta'
e l'emancipazione, ma soprattutto di movimento di liberazione che e'
stato ed e' tuttora l'asse portante di tutta l'esperienza GLBTQ e non
solo. La visibilita' sociale di gay lesbiche e trans, si manifesta con un
primo atto rivoluzionario che si ripete nella coscienza e nel bisogno di
ognuno/a di nominarsi come tale nel coming out individuale, e si
festeggia collettivamente ogni anno il 28 giugno nella festa del pride,
dell'orgoglio, riaprendo le contraddizioni di contesti sociali spesso
apertamente ostili o solo apparentemente
"tolleranti", anche nelle societa' democratiche. Ed e' partendo dal pride
e da quel 28 giugno 1969 che possiamo comprendere chi era Sylvia Rivera:
quando c'e' una prima volta comincia una storia, quella della visibilita'
GLBTQ, e quella prima volta e' segnata da una bottiglia scagliata contro
un poliziotto da Sylvia che con altre travestite, trans e lesbiche erano
allo Stonewall quella sera. Da quella rivolta, scaturita dalla rabbia per
i continui soprusi, arresti e controlli da parte della polizia, si
innesco' l'attuale movimento di liberazione GLBTQ e il suo divenire
sovversivo sia del modello etero-sociale dominante, vincolato ai rapporti
di produzione/riproduzione di corpi, sia di ogni discorso naturalizzante,
pseudo-scientifico ed
essenzialista che riduceva il corpo e la soggettivita' a destino. Lo
specifico dell'esperienza trans fu spesso rifiutato dal movimento gay e
lesbico che non gli riconosceva politicita' e anche dal movimento
femminista che vi leggeva una riproduzione dell'immaginario stereotipato
e maschilista della femminilita'. Grazie al lavoro di autocoscienza e di
pratica politica di Sylvia e di tante compagne, l'esperienza trans ha
lentamente e fortemente messo in discussione alcuni presupposti
identitari ed essenzialisti (piu' o meno "strategici") degli stessi
movimenti femministi, gay e lesbici, facendoli crescere e maturare.

Sylvia aveva cominciato la sua avventura nella strada, battendo il
marciapiede dall'eta' di 11 anni. Inizio' presto a organizzare forme di
aiuto e solidarieta' alle altre travestite e trans, che all'epoca
morivano comunemente per una coltellata, un'overdose o nei riformatori di
New York. Apri' un rifugio che chiamo' "Star House" (Street Transvestite
Action Revolutionnaires). Ben presto delusa e marginalizzata dalla
politica perbenista della maggioranza del movimento gay, che gia' agli
inizi degli anni '70 tolse i travestiti dalla propria "agenda politica",
si diede alla droga e al vagabondaggio. Sylvia accuso' spesso il
movimento gay di scarsa memoria: "La scintilla della rivoluzione,
l'abbiamo iniziata noi checche, travestiti e puttane. Dove stavate
voi,che eravate nascosti allora e venite a raccogliere gli allori adesso,
di una rivolta della quale non avete alcun merito?"

Solo negli ultimi anni il movimento le riconobbe i meriti e le compagne
del M.I.T. l'hanno voluta in Italia per il Word Pride 2000. In quella
occasione il Movimento gay nostrano, quello con la m maiuscola, non l'ha
riconosciuta. Sul palco dove il fior fiore del ceto politico blaterava,
Sylvia ha dovuto faticare non poco per rompere il protocollo e rivolgere
al mondo il saluto trans, che era urlo, poesia e protesta insieme. In
quel passaggio in Italia le uniche realta' che l'hanno ospitata e hanno
valorizzato la sua esperienza sono state realta' antagoniste e radio di
movimento come Forte Prenestino e Radio OndaRossa a Roma e Radio K a
Bologna.

Nella fase piu' recente della sua vita, Sylvia era tornata alla militanza
aprendo un rifugio per transgender, la "Transy House"a Brooklyn. Secondo
le sue volonta' e' stata cremata e le sue ceneri accompagnate su una
carrozza, seguita da migliaia di persone, dallo Stonewall e disperse nel
fiume lungo cui le froce da sempre continuano a battere. Da molto tempo
la scena GLBTQ Newyorkese non vedeva una folla cosi' grande a scandire lo
slogan che Sylvia ripeteva sempre "no rights no peace".

La storia di Sylvia e' la storia di tutt* noi, la storia di chi vede la
propria esperienza calpestata e negata dai nemici di sempre e spesso
disconosciuta anche da chi dovrebbe essere al nostro fianco. La storia di
come lo sforzo di integrazione nell'esistente riproduce meccanismi di
esclusione, giochi di potere, identita' sociali, culturali, politiche
stereotipate che perdono di vista il movimento di liberazione. Di qua e
di la' dell'Atlantico. Non sono lontani i giorni in cui si diceva "ma
cosa c'entrano le trans con il gay pride" o con le lotte e le riflessioni
di genere o la liquidazione che negli anni '80 veniva fatta di tutte le
esperienze dei collettivi autonomi omosessuali che avevano preceduto e
spianato la strada ai monopoli, considerate come facenti parte di una
fase infantile, immatura, non al passo con i tempi di triste riflusso.
Oggi che tutto questo sembra alle spalle dobbiamo ricominciare a
ricercare le tracce, riannodare i fili, trovare le impronte dei tacchi a
spillo cancellate dall'indifferenza, spesso dalla superficialita', a
volte dall'arroganza. E riprendere in mano la nostra storia, tutta
un'altra storia appunto, quella dei movimenti di liberazione. Da qui la
decisione da parte di tre realta', M.I.T. - Movimento Identita'
Transessuale, [antagonismogay] e SexyShock - cosi' diverse ma al contempo
strettamente collegate e complementari - di organizzare questo evento in
uno spazio attraversato da quel vasto movimento che per primo in Italia
ha riconosciuto Sylvia e il valore universale che ha la sua storia di
liberazione.

-- 
M.I.T. - Movimento Identita' Transessuale
[antagonismogay]
SexyShock

**********************

Programma

H 20.00 > aperitivo mangereccio

H 20.30 > Dibattito Sylvia Rivera, tutta un'altra storia

+ video
+ sexpo': mostra interattiva: dal mito alla fantascienza
+ camera di trasformazione

Partecipano al dibattito:

Cristian Lo Iacono coordinatore [antagonismogay]
Antonia Ciavarella [ArciLesbica BO]
Helena Velena
Porpora Marcasciano [attivista trans]
Marcella di Folco [M.I.T. BO]
Betty [SexyShock]
Renato Busarello [antagonismogay]
Centro studi GLTQ [FI-TO]
Queering Sapienza [ROMA]

H 23.00 > The Party

dj set
+ IRAQueers [Bo]
+ MiZz PraVdA [Bo]

Performances
+ Miss O.
+ Shakti Bhava

**********************

Sylvia Rivera. Tutta un'altra storia.

TPO, V.le Lenin 3, Bologna - Italy.
info: 051.271.666

http://www.ecn.org/agaybologna/special/sylvia/
mailto:mit.bo@tin.it
**********************
--
[antagonismogay]
http://www.ecn.org/agaybologna/
Per iscriversi alla newsletter o per cancellarsi:
<http://www.ecn.org/agaybologna/special/mailing/maillist.php>
Type bits /keyID    Date       User ID
pub  1024D/2FD0B9A8 2002/11/18 [antagonismogay] <agaybologna@ecn.org>




*******
                  *******
     ****** A-Infos News Service *****
          Notizie su e per gli anarchici

 Per iscriversi        -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
                          nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
 Per informazioni      -> http://www.ainfos.ca/it
 Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
 Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center