A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
First few lines of all posts of last 24 hours || of past 30 days | of 2002 | of 2003

Syndication Of A-Infos - including RDF | How to Syndicate A-Infos
Subscribe to the a-infos newsgroups
{Info on A-Infos}

(it) Torino: "i crimini della democrazia"

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Thu, 4 Dec 2003 11:20:55 +0100 (CET)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Da: Umanità Nova redazione torinese <fat@inrete.it>

Torino: "I crimini della democrazia: dalla strage di stato alle gabbie di
Guantanamo"

12 e 13 dicembre: due giornate per non dimenticare le stragi di ieri ed
opporci a quelle di oggi, due giornate di riflessione, informazione e
lotta.

Venerdì 12 dicembre alle ore 21 presso la sede della Federazione
Anarchica in corso Palermo 46 serata di controinformazione e dibattito.
Interverrà Cosimo Scarinzi, che nel 1969, giovane anarchico, viveva a
Milano, ed è stato partecipe di quella stagione di feroce repressione ma
anche di lotta e passione intensa. Introdurrà il dibattito successivo
Maria Matteo.

Sabato 13 dicembre presenza di piazza con punto informativo, musica,
performance, mostre e banchetti in piazza Castello (lato Palazzo Madama)
sin dalle ore 14,40 (in caso di pioggia sotto i portici).

Il 12 dicembre di 34 anni orsono la strage di piazza Fontana inaugurava
la strategia della tensione con la quale lo Stato rispondeva alle lotte
per la libertà e l’uguaglianza che attraversavano il paese. A Milano,
nella banca dell’Agricoltura, morirono 17 persone: a queste nella notte
tra il 15 ed il 16 dicembre si aggiungerà Giuseppe Pinelli, ferroviere
anarchico assassinato nei locali della questura e buttato dal quarto
piano. Per chiudere il caso Ambrosio, futuro "eroe" di mani pulite,
conierà l’espressione "malore attivo". Il governo aveva aperto la caccia
agli anarchici accusandoli della strage ed imprigionando per tre anni
Pietro Valpreda. Solo la controinformazione dal basso bloccherà la
manovra: tra i lavoratori, gli sfruttati sarà ben presto chiaro che, come
gli anarchici avevano gridato sin dalle prime ore, "la strage è di stato,
Valpreda è innocente".

Oggi, oltre tre decenni dopo quel tragico dicembre, le stragi di stato
sono divenute quotidiane: ogni giorno si muore in mare tentando di
emigrare in cerca di un’opportunità di vita lontano da fame e guerre,
ogni giorno si muore di lavoro in cantieri e fabbriche sempre meno
sicure, ogni giorno qualcuno muore là dove le "nostre" truppe portano la
"pace". Sono stragi sancite per legge, sono stragi siglate dal
parlamento che ha deciso l’invio di militari in Iraq ed Afganistan, che
ha promulgato leggi come la Bossi-Fini e la "Biagi". E dove non arrivano
leggi feroci e liberticide basta l’arbitrio del più forte dai pestaggi
nel carcere di Bolzaneto alle gabbie per polli di Guantanamo dove sono
rinchiusi e torturati i prigionieri catturati in Afganistan. Oggi più che
mai guerra interna e guerra esterna hanno lo stesso fronte: ne sono
vittime gli sfruttati, i lavoratori, i migranti, gli oppositori politici,
i senza potere. Il meccanismo è ben oliato: chi non ci sta, chi scende in
piazza, chi sciopera, chi reclama libertà ed uguaglianza viene equiparato
ad un terrorista, criminalizzato dalla stampa di regime che scatena
feroci campagne di disinformazione: un giorno tocca ai migranti, un altro
ai senza casa o agli studenti, un altro ancora ai lavoratori in sciopero.
I tranvieri milanesi, rei di aver scioperato, sono stati descritti come
delinquenti e stupratori solo per aver lottato per condizioni di vita e
lavoro meno indecenti. Oggi come nel 1969 solo la lotta dal basso, solo
la solidarietà tra chi subisce quotidianamente lo sfruttamento e
l’oppressione possono fermare la strategia liberticida di chi ci governa.
Oggi come allora il terrorismo ha il volto dello Stato:
lo Stato degli eserciti e delle guerre
lo Stato dei manganelli e dei gas in piazza
lo Stato dei lager per immigrati
lo Stato che cancella le tutele per gli anziani, i malati, i lavoratori
lo Stato che sanziona chi sciopera
lo Stato che imprigiona, assassina, criminalizza

12 e 13 dicembre: due giornate per non dimenticare le stragi di ieri ed
opporci a quelle di oggi, due giornate di riflessione, informazione e
lotta.

Federazione Anarchica Torinese - FAI
la sede è aperta ogni giovedì dopo le 21,15; 338 6594561; 011 857850




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center