A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ TŘrkše_ The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) UmanitÓ Nova n.14: Un sogno nel cuore

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Thu, 17 Apr 2003 10:26:03 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

Da "UmanitÓ Nova" n. 14 del 13 aprile 2003

Un sogno nel cuore
Da che parte non stiamo


Puntualmente anche stavolta Ŕ arrivata, e non soltanto dalla
destra governativa, la polemica strumentale che vuole i contrari
alla guerra arruolati tra i sostenitori "oggettivi" dell'osceno
regime di Saddam Hussein, oppure suoi malcelati tifosi o persino
complici del terrorismo. E a tali accuse non sfuggono neppure
quanti dichiarano di non volersi schierare nÚ con Bush nÚ con
Saddam Hussein, non escluso il segretario della Cgil Epifani.

In realtÓ tale discussione salottiera Ŕ paradossale quanto
fuorviante.

D'altra parte la guerra dentro cui siamo precipitati Ŕ una
guerra di paradossi:

Una guerra "morale" combattuta in nome della "civiltÓ", in cui
per eliminare un tiranno nazionalpopolare e portare la
"democrazia", non si esita a seminare strage tra la popolazione
civile giÓ stremata da oltre dieci anni di embargo.

Una guerra in cui chi bombarda di giorno un affollato mercato a
Baghdad Ŕ un "liberatore" e chi si difende da un'aggressione
militare spropositata Ŕ un "terrorista".

Una guerra globale che nutre se stessa, senza limiti di tempo e
di spazio, nonchÚ al di fuori di ogni parvenza di legittimitÓ.

Una guerra in cui gli Usa, ossia la potenza militare planetaria
che detiene, produce e vende il maggior numero di armi nucleari,
batteriologiche e chimiche, accusano l'Iraq di minacciare
l'umanitÓ con armi proibite che essi stessi e gli Stati europei
hanno fornito al regime di Saddam Hussein ai tempi del conflitto
contro l'Iran.

Una guerra in cui, come diceva il ministro della propaganda
nazista Goebbels, l'importante non Ŕ quello che succede ma
quello che si comunica.

Una guerra in cui lo spettacolo della morte diviene merce.

Una guerra umanitaria e liberale che criminalizza chi manifesta
il proprio dissenso e reprime chi si oppone alle scelte
belliciste dei governi.

Una guerra che non permette d'essere neutrali, ma in cui Ŕ
necessario rivoltare tali paradossi.

Questa guerra non Ŕ tra Bene e Male, tra Occidente e Islam, tra
Democrazia e Dittatura, ma neppure tra Bush e Saddam Hussein.

╚ una guerra certo per il petrolio, ma imposta anche da altri
interessi economici e da logiche di dominio; una guerra che sta
facendo le fortune dell'industria bellica e in cui le gerarchie
militari, anche se con uniformi diverse, sono tutte ugualmente
nemiche delle popolazioni civili e degli sfruttati di ogni
paese: negli Stati Uniti come in Iraq, in Russia come in Italia.


Da qui la nostra radicale opposizione al militarismo inteso come
forma gerarchica di controllo e sfruttamento sulla societÓ.

Un'opposizione che nel cuore porta un sogno: vedere la sconfitta
dell'imperialismo Usa e una rivolta popolare che liberi gli
sfruttati iracheni da ogni padrone e da ogni generale.

KAS

http://www.ecn.org/uenne/




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center