A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 40 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ Nederlands_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) A-Rivista Anarchica n.288: La cuoca di Durruti

From worker-a-infos-it@ainfos.ca (Flow System)
Date Sun, 13 Apr 2003 13:37:32 +0200 (CEST)


________________________________________________
A - I N F O S N E W S S E R V I C E
http://www.ainfos.ca/
http://ainfos.ca/index24.html
________________________________________________

La cuoca di Durruti

"Siamo andati all’assalto, cantando, tra i fiori e i venti
profumati dell’estate, adesso, stiamo assistendo, impotenti,
alla fine... Natale è alle porte, abbiamo deciso di preparare un
po’ di frittelle. È l’ultima volta che cuciniamo, e molte di noi
le impastano di lacrime. Domani si parte per una missione di
sangue e di speranza, stanotte, invece, ci sporcheremo le mani
di farina, di zucchero, di cannella e d’amore. 26 gennaio 1939,
Barcellona è caduta..."

Nadine è la "cuoca di Durruti", giovane studentessa di medicina
e guerrigliera della CNT-FAI negli anni dell’ultima resistenza
campale al franchismo. Il libro (Anonimo, La cuoca di
Buenaventura Durruti. La cucina spagnola al tempo della "guerra
civile". Ricette e ricordi, prefazione di Luigi Veronelli, Roma,
Derive Approdi 2002, pp. 208, Euro 16,00) trae origine dal
ritrovamento casuale di un manoscritto, nel 1970, all’interno di
un lotto di pubblicazioni sulla guerra di Spagna in vendita alla
mitica libreria Pinkus di Zurigo. Il corpus eterogeneo del
materiale si compone di un brogliaccio di cucina accompagnato da
racconti sintetici di episodi, oltre un centinaio di fogli
dattiloscritti non ordinati, foto e ritagli di giornali.

Luigi Veronelli, maestro di anarchia applicata, ci fa rivivere
le passioni di una donna travolta dalla tragedia e dalla
sconfitta del progetto rivoluzionario, e che pure sa inventare
ogni volta "nuove resistenze". Le speranze di Nadine e gli
spaccati di vita quotidiana sono, nelle intenzioni del curatore,
la risposta esaustiva "ad una domanda che le giovani generazioni
da sempre si pongono: come si vive quando il negativo scende
nelle strade?". Il volume, alla stregua di un menu, si divide in
entrate, piatti di mezzo e dessert. Dietro al nome accattivante
di ogni portata (ne abbiamo contate 86!) c’è la concretezza di
chi ha deciso di fondere la propria vita con gli ideali in cui
crede. L’uguaglianza e la libertà sono i canoni di una
sovversione che è sempre costruttiva. Così la socialità intima
di un convivio può essere anche l’incipit per la rinascita e per
nuovi sogni. E per un brindisi, nonostante tutto.

"...Infine, preparammo una sangria, se ne incaricò Estrella che,
da ragazzina, ha lavorato in una ‘bodega’ di Maiorca. Per un
litro di vino rosso, callet, tempranillo o manto negro, sono i
migliori, perché sono fruttati, ci spiegò Estrella, ci vogliono
un’arancia, un limone, due pesche bianche e mezzo melone.
Separate le scorze dagli agrumi, tagliandole a spirale.
Mettetele nel vino, aggiungeteci questi tagliati a fettine per
il largo, le pesche, senza il nocciolo, tagliate a spicchi, il
melone tagliato a fettine sottili. Versate nel vino due o tre
cucchiai di zucchero, un bicchierino di brandy, un chiodo di
garofano. Aggiungete un bicchiere di acqua e ghiaccio, agitate
con cura e servite..."

Interessante anche il corredo fotografico. C’è un primo piano di
un pneumatico militare sovietico "più pericoloso dei commissari
politici russi". E in copertina Nadjeta, detta Nadine mentre
innesca un ordigno incendiario.

Giorgio Sacchetti

http://www.anarca-bolo.ch/a-rivista/




*******
*******
****** A-Infos News Service *****
Notizie su e per gli anarchici

Per iscriversi -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
Per informazioni -> http://www.ainfos.ca/it
Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca



A-Infos Information Center