A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ All_other_languages
{Info on A-Infos}

(it) Lettera del coordinamento Reg.le del Sindacalismo di Base

From "donato" <diromito@libero.it>
Date Fri, 4 Oct 2002 06:49:42 -0400 (EDT)


 ________________________________________________
      A - I N F O S  N E W S  S E R V I C E
            http://www.ainfos.ca/
        http://ainfos.ca/index24.html
 ________________________________________________

Lettera del coordinamento Reg.le del Sindacalismo di Base

- A tutti i Social Forum delle Marche
- Ai Giovani Comunisti
- Alla Segreteria Regionale e della Prov. Di Ancona del PRC
- All’ Associazione Ya Basta, Al Movimento dei Disobbedienti
- A Tutte le realtà Antagoniste delle Marche

   A PROPOSITO DI SCIOPERO GENERALE: DIRITTI, PACE, SALARIO 

La crescente opposizione dimostrata dalla società e dai/lle
lavoratori/trici contro le politiche ultraliberiste, operate dai
governi succedutisi negli ultimi anni, ha un altro momento alto
ed importante nella giornata di sciopero generale del 18 ottobre
prossimo.

Una data importante che vedrà unite, dopo la straordinaria
riuscita delle mobilitazioni del 15 febbraio e del 16 Aprile
scorsi, le sigle del sindacalismo di base che da anni ormai si
battono contro la precarizzazione,  la cancellazione dei diritti
del lavoro, lo sgretolamento dello stato sociale, l’arroganza
del padronato. In vista di questo sciopero stiamo lavorando ad
una manifestazione regionale unitaria, che vorremmo, proprio
perché sono in ballo questioni importanti che investono tutti e
tutte, il più possibile generalizzata e diffusa. In questa
direzione sono andati gli appelli al confronto che alcune sigle
di base hanno rivolto alla CGIL: appelli andati, come sempre,
del tutto disattesi.  Noi vogliamo portare in piazza, in maniera
chiara, determinata, un deciso no alla guerra senza se e senza
ma, perché la guerra è lo strumento che le economie occidentali
vogliono usare come volano per la ripresa dell’economia, al
prezzo di decine di migliaia di vite, perché la guerra significa
restringimento della libertà di dissenso, perché la guerra la
pagano sempre i lavoratori e le fasce sociali più deboli.

Vogliamo andare in piazza contro la concertazione, per il
diritto al salario sociale e rivendicare una nuova e diversa
politica salariale che, rompendo con la politica dei redditi
portata avanti da Cgil, Cisl e Uil e assecondata dalle varie
frange pseudo autonome, interrompa l’inarrestabile rincorsa a
perdere degli ultimi dieci anni per rivendicare una reale 
redistribuzione della ricchezza.

 Saremo in piazza contro il precariato di stato avallato dai
sindacati concertativi,  per le 35 ore per tutti/e, per
difendere e diffondere l’art.18 dello statuto dei lavoratori,
per porre con forza la questione della democrazia sindacale nei
luoghi di lavoro; riprenderci il diritto d’assemblea e di
sciopero, superare l’assurdo regolamento che assicura, comunque
vadano le elezioni, il 33% di seggi nelle RSU del settore
privato. Vogliamo fermare tutti i processi di dismissione,
privatizzazione, aziendalizzazione e mercificazione della
scuola, della sanità, di tutte le strutture pubbliche che
dovrebbero essere patrimonio comune, per la difesa ed il
rilancio della pubblica amministrazione. E c’è ancora altro:
manifesteremo contro l’attacco al sistema pensionistico, per la
cancellazione della vergognosa legge Bossi-Fini, discriminatoria
e fortemente lesiva nei confronti degli immigrati.

Sulla nostra piattaforma chiediamo un incontro a tutte le realtà
sociali che in questi anni hanno rappresentato la critica al
pensiero unico; a tutti chiediamo di essere presenti in piazza,
di costruire con noi una giornata di reale mobilitazione per la
pace, i diritti, il salario, una giornata che non può
confondersi con le ambiguità di una CGIL che difende la
concertazione, firma contratti che costruiscono precarietà e
lavoro interinale, che si oppone ai referendum per l’estensione
dell’art.18, che "dimentica" la guerra fra i motivi dello
sciopero. Noi non manifestiamo, questo deve essere chiaro,
contro altri sindacati; ci sentiamo comunque vicini ai
lavoratori che saranno in p.za con altri, ma sappiamo che solo
la chiarezza dei contenuti, solo una piattaforma all’altezza
della sfida lanciata dal padronato, potrà portare questo
movimento a dei risultati.

Vi invitiamo quindi, con convinzione, ad un confronto sulla
nostra piattaforma e sulla giornata di sciopero generale e
generalizzato del 18 Ottobre, il 9 Ottobre alle ore 21.00 presso
la Camera del Sindacalismo di Base di Ancona in Via Piave 49
scala C e siamo disponibili ad un incontro in qualsiasi altra
data e luogo vogliate indicare. 

    Un Saluto 

    Il coordinamento Reg.le del Sindacalismo di Base
 RdB/CUB, S.in.Cobas, CIB/Unicobas, ALLPesaro, COBAS scuola,    
           USI/AIT, ALI Senigallia

Potete Contattarci al numero : 3397472449


*******
                  *******
     ****** A-Infos News Service *****
          Notizie su e per gli anarchici

 Per iscriversi        -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
                          nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
 Per informazioni      -> http://www.ainfos.ca/it
 Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
 Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca




A-Infos Information Center