A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ All_other_languages
{Info on A-Infos}

(it) Torino: iniziative della FAI contro la guerra

From Umanità Nova redazione torinese <fat@inrete.it>
Date Fri, 4 Oct 2002 04:44:37 -0400 (EDT)


 ________________________________________________
      A - I N F O S  N E W S  S E R V I C E
            http://www.ainfos.ca/
        http://ainfos.ca/index24.html
 ________________________________________________

Contro tutte le guerre, contro tutti gli eserciti!

Sabato 5 ottobre partecipazione al corteo contro la guerra in Iraq. Partenza 
alle ore 15 da piazza Arbarello.


Venerdì 11 ottobre ore 21 in c.so Palermo 46 dibattito:
"La geografia dell’orrore. Dal Kossovo all’Iraq passando per l’Afganistan", 
dalla guerra umanitaria alla guerra permanente. Scenari bellici e percorsi 
di opposizione sociale.

Interverrà Pietro Stara della Commissione antimilitarista della FAI.


Venerdì 18 ottobre sciopero generale! 
ore 9 in piazza Arbarello spezzone anarchico 
alla manifestazione del sindacalismo di base 
ore 21 c.so Palermo 46 film "Il dottor Stranamore" di Kubrick e dibattito

Federazione Anarchica Torinese - FAI
c.so Palermo 46; e-mail fat@inrete.it; tel/fax 011 857850; la sede è aperta tutti i giovedì dopo le 21,15


Contro Tutte le guerre, contro tutti gli eserciti!

La guerra globale, la prima guerra del secolo, va avanti. 

Migliaia di persone, per lo più civili, sono morte sotto le bombe in Afganistan. 
Ad un anno di distanza la guerra non è finita: tra i monti afgani si continua a 
morire. A Kabul un governo feroce e dispotico è stato sostituito da un governo 
altrettanto feroce e dispotico ma disponibile a far partire l’oleodotto che gli 
amici ed alleati di ieri, i talebani, non volevano più costruire. 

Bush un anno orsono annunciava una campagna bellica infinita. Il pretesto 
della "guerra al terrorismo" è divenuto la chiave di volta di una politica 
guerrafondaia volta a rimettere in piedi la dolente economia americana a 
suon di bombe. 

La "guerra preventiva" teorizzata da Bush è la guerra santa in nome del 
dollaro. Si prepara l’invasione dell’Iraq, un paese che si trova in stato di 
guerra dal 1990: prima con la guerra guerreggiata, poi con l’embargo e 
con i bombardamenti "mirati". Le cifre di questa lenta strage sono 
spaventose: oltre un milione di morti tra i più deboli, i più poveri, i senza 
potere. Poco conta che i morti, i mutilati, gli affamati siano uomini, donne, 
bambini in carne ed ossa. Sono le vittime e gli ostaggi di interessi per i 
quali non valgono nulla, granelli di sabbia sullo scacchiere del "grande 
gioco" della politica di potenza. Il "gioco" feroce di Bush II, l’uomo dei 
petrolieri e dei mercanti d’armi, interessati al controllo delle grandi risorse 
energetiche, timorosi della concorrenza dei recalcitranti alleati europei, 
consapevoli che oggi la "supremazia" statunitense si afferma soprattutto 
sul piano militare. 

Nella guerra permanente è oggi il turno di Saddam Hussein, il feroce 
dittatore che già nel lontano 1988 si distinse per il massacro di migliaia di 
curdi con armi chimiche fornite dagli USA. Ma allora nessuno minacciò 
ritorsioni. All’epoca, non diversamente da Bin Laden, il Raiss di Baghdad 
era un’importante pedina nella politica degli USA che si guardarono bene 
dal rimarcare la disinvoltura con cui trattava i propri affari. E poi, si sa, i 
"diritti umani" variano a seconda della convenienza del momento. Ed il 
principio di "non ingerenza" assume caratteristiche carsiche, comparendo 
o scomparendo all’occorrenza.

Qui da noi, nel Belpaese di Berlusconi, Bossi e Fini sono in atto le grandi 
manovre: una bella finanziaria di guerra, leggi liberticide contro i lavoratori, 
gli immigrati, le donne. La retorica, quella più becera, si spreca. Tornano in 
auge i mai sopiti mostri dell’intolleranza, del razzismo, del nazionalismo.

I soldi sottratti alla sanità, alla scuola, ai servizi sociali serviranno per 
finanziare il viaggio ed il soggiorno di mille assassini legalizzati in divisa 
da alpino alla volta dell’Afganistan. Con il beneplacito, ancora una volta, 
di parte del centro-sinistra.

È il momento di essere con decisione e fermezza uomini e donne di parte.
La parte delle vittime. Sempre. 

Opporsi alla guerra, a tutte le guerre, lottare contro gli eserciti, tutti gli 
eserciti, è giusto e necessario per fermare il terrorismo: il terrorismo degli 
Stati che semina la morte, la distruzione, la paura colpendo indiscriminatamente 
folle inermi. 

La fine della politica di potenza, la sconfitta della logica del profitto, del 
militarismo e del fanatismo religioso aprono le porte ad un mondo libero 
e giusto, un mondo senza Stati, né frontiere, né eserciti. 

La vera pace è la libertà e la giustizia sociale. Per tutti. Ovunque.



*******
                  *******
     ****** A-Infos News Service *****
          Notizie su e per gli anarchici

 Per iscriversi        -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
                          nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
 Per informazioni      -> http://www.ainfos.ca/it
 Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
 Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca




A-Infos Information Center