A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ All_other_languages _The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) Cronaca delle iniziative contro la repressione a Civitavecchia

From "Meletta" <meletta@aconet.it>
Date Thu, 21 Nov 2002 13:25:38 -0500 (EST)


 ________________________________________________
      A - I N F O S  N E W S  S E R V I C E
            http://www.ainfos.ca/
        http://ainfos.ca/index24.html
 ________________________________________________

Da:  "BlitZ" <blitz77@libero.it> 

Breve report dell'iniziativa contro la repressione che si e' svolta 
ieri a Civitavecchia. 

E' cominciata mercoledi alle 10:00 l'iniziativa itinerante che per 
tutta la giornata ha voluto ribadire solidarieta' attiva alle decine di 
persone coinvolte nell'inchiesta della magistratura cosentina. Circa 50 
persone hanno presidiato l'ingresso del tribunale di Civitavecchia, 
volantinando e diffondendo musica. L'iniziativa, non autorizzata, ha 
quasi subito attirato l'attenzione della DIGOS locale, che ha 
provocatoriamente chiesto ai manifestanti di sciogliere il presidio. 
Naturalmente nessuno si e' mosso e l'iniziativa ha continuato a 
svolgersi in assoluta tranquillita'. L'iniziativa poi si e' spostata al 
centro della citta' dove, nel pomeriggio, un presidio (anche questo non 
autorizzato) ha dato vita ad un'altra iniziativa di comunicazione. Dai 
microfoni dell'impianto portato in piazza qualcuno ha voluto dare il 
suo contributo ricordando che chi lotta ogni giorno contro questo 
sistema d'ingiustizia globale e' da sempre soggetto all'inquisizione. 
Si leggono comunicati, news, informazioni rispetto alle prossime 
iniziative nazionali. Il presidio si ingrandisce, si anima, le casse 
sparano musica, la gente si ferma, legge gli striscioni, i volantini, 
discute e si interroga. Alle 21:00 poi in molt* si spostano al CSOA ex 
Mattatoio per un dibattito informale e per fare il punto della 
situazione. La serata va avanti con la proiezioni di alcuni video, 
immagini, testimonianze sulle demo antiglobalizzazione. L'iniziativa 
itinerante che ha preso forma a Civitavecchia e che per tutta la 
giornata ha voluto rompere il silenzio attorno alla questione 
repressione ha visto la partecipazione di tutti i soggetti antagonisti 
e delle individualita' che sono presenti in zona. Ancora una volta lo 
scenario soporifero della provincia e' stato stravolto dalla voglia 
incontenibile di comunicare e mobilitarsi. Agli attivisti meridionali e 
a tutti gli individui rinchiusi nelle carceri, colpiti da procedimenti 
giudizziari, martoriati da denunce ed intimidazioni va tutta la nostra 
solidarieta' ed il nostro affetto. Di fronte alla volonta' di tappare 
la bocca all'intero movimento e ad atti di simile arroganza abbiamo 
ancora voglia di ribadire che agli occhi di questo sistema ingiusto e 
criminale noi vogliamo essere e siamo tutti sovversivi. 

alcuni compagni di Civitavecchia 

---------------- 
RASSEGNA STAMPA 
---------------- 

da "IL TEMPO" (cronaca di Civitavecchia) 21/11/02: 

MANIFESTAZIONE DEI NO GLOBAL 
Volantinaggio e slogan sotto le finestre della Procura 

E' DAVVERO il popolo sovrano? Democrazia: categoria potenziale o realtà 
ormai degenerata nella violazione, negazione dei diritti elementari? 
Gli interrogativi non sono da poco e si pongono, si impongono, anche a 
Civitavecchia. E così, anche a Civitavecchia, la Procura della 
Repubblica diventa non solo lo scenario, il luogo fisico che ospita una 
manifestazione, ma anche e soprattutto il simbolo di «una nuova 
inquisizione» che avanza, l'emblema di «un atto squadrista, di una 
palese e spregiudicata volontà da parte di alcuni settori dello stato 
di reprimere e bloccare un movimento, pacifico ma di radicale 
contestazione, in crescita esponenziale soprattutto al sud». Le parole 
sono dei rappresentanti della Confederazione Cobas di Civitavecchia, 
dei ragazzi del centro sociale occupato Mattatoio e di quelli del 
Coordinamento Antagonista, tutti insieme ieri mattina per presidiare 
l'ingresso del Tribunale in via dell'Immacolata. Per l'intera giornata 
di ieri, inoltre, i manifestanti hanno fatto volantinaggio e 
controinformazione (nella foto di Luciano Giobbi), invitando anche gli 
studenti a scioperare. Tutto per esprimere solidarietà ai 20 no global 
meridionali, finiti in manette con le accuse di associazione sovversiva 
e cospirazione politica. Parole pesanti queste, che pesano sui fatti, 
sulle coscienze di quanti credono che la disobbedienza civile sia un 
valore e che sul consenso e mai sulla violenza hanno cercato di 
costruire un Movimento. Oggi sono le finalità stesse del Movimento che 
i suoi militanti sentono messe in discussione. E allora: «Siamo tutti 
sovversivi», gridano provocatoriamente da Civitavecchia come da tutte 
le piazze italiane, mentre la società civile si compatta. 

--------------------------------------------------------- 

da "IL MESSAGGERO" (cronaca di Civitavecchia) 21/11/02: 

Per tutto il giorno 
Protesta e 
volantinaggio 
dei "No global" 
Ieri mattina alle 10 un gruppo di "No Global" civitavecchiesi ha dato 
vita ad una protesta davanti al tribunale di Civitavecchia di via 
dell'Immacolata. Al grido di "Siamo tutti Sovversivi" gli esponenti 
dell'assemblea territoriale del Movimento ha voluto condannare la 
decisione dei giudici di Cosenza di arrestare ed incriminare con 
l'accusa di associazione sovversiva 42 militanti del movimento 
antagonista meridionale ed esprimere la loro solidarietà ai no global 
coinvoltia. La protesta è poi continuata. Alle 18 c'è stato un 
volantinaggio "di controinformazione" a piazzale degli Eroi e dalle 21 
un dibattito con proiezioni di diapositive presso il Centro Sociale 
dell'Ex Mattatoio. 

---------------------------------------------------------- 

Da "CIVONLINE" Cronaca di Civitavecchia del 20/11/02: 

I No Global: "Adesso siamo tutti sovversivi, ma non ci zittiranno" 

Domenica scorsa si è svolta un'assemblea del movimento territoriale che 
ha deciso di rispondere agli arresti dei 20 noglobal con una 
mobilitazione locale prevista per mercoledì 20 novembre, con un 
presidio davanti al tribunale alle 10.00, volantinaggio a Piazzale 
degli Eroi alle 18.00 e alle 21.00 infine un dibattito con proiezioni 
al C.S.O.A Ex Mattatoio a via del Gazometro (per informazioni è 
possibile chiamare il numero di telefono e fax 0766-35935 o rivolgersi 
al numero 188 di via Buonarroti). Gli attivisti propongono lo sciopero 
a studenti e lavoratori. "Adesso siamo tutti sovversivi, ci sarebbe 
piaciuto parlare di contenuti, il no alla guerra e alla precarietà nel 
mondo del lavoro, per un mondo senza frontiere, intensificare le nostre 
campagne contro i cibi transgenici e l´iper-sfruttamento del pianeta - 
riflettono i movimentisti di Civitavecchia - avremmo voluto aprire 
creativamente nuovi spazi di socialità, delineare le alternative al 
progetto neoliberista, ma ancora una volta come a Genova un anno fa 
dobbiamo fare i conti con il tentativo di reprimere e criminalizzare il 
movimento." I movimentisti ricordano la massa determinata e pacifica di 
Firenze, nonostante gli allarmismi di politici e media, poi la 
decisione di alcuni magistrati di Cosenza di incriminare per 
associazione sovversiva dei militanti. Gli attivisti locali attaccano 
la sforzo statale di bloccare un movimento in crescita esponenziale 
soprattutto al Sud dove Termini Imprese lega i lavoratori della Fiat ai 
giovani dei Forum. "La logica che spinge ad attaccare in maniera così 
violenta chi lotta contro questo sistema globale è la stessa che 
legittima le guerre preventive e gli attacchi ai soggetti non 
garantiti" aggiungono gli attivisti locali, concludendo che però questo 
stesso contesto stimola altri ad organizzarsi per portare avanti i 
bisogni di un altro panorama, eterogeneo e vivace. "Chi pensa di farci 
retrocedere su analisi di pura resistenza contro una repressione dovrà 
fare i conti con le battaglie che tutti i giorni stiamo costruendo sui 
territori". Battaglie che si concentrano su situazioni concrete, ormai 
difficilmente censurabili. 






*******
                  *******
     ****** A-Infos News Service *****
          Notizie su e per gli anarchici

 Per iscriversi        -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
                          nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
 Per informazioni      -> http://www.ainfos.ca/it
 Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
 Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca




A-Infos Information Center