A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ All_other_languages _The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) Fw: violenza a casatenuovo

From "Gruppo Tierra y Libertad" <g.tierraylibertad@libero.it>
Date Wed, 6 Nov 2002 04:16:28 -0500 (EST)


 ________________________________________________
      A - I N F O S  N E W S  S E R V I C E
            http://www.ainfos.ca/
        http://ainfos.ca/index24.html
 ________________________________________________

scusate il titolo sopra - ma siccome questo messaggio non e' un invito per mostre o cene vi chiedo di leggerlo tutto.

cio' che e' successo:
recentemente ho inaugurato una mostra alla biblioteca Al Caffe' di Casatenovo, 
luogo portato avanti da anni ormai dal gruppo libertario di cultura alternativa 
l'Erba.

Dopo molte iniziative organizzate in spazi esterni, piu' prestigiosi, la mostra 
aveva l'intento tra l'altro di avvicinare persone nuove alla biblioteca vera e 
propria, cosa che ha funzionato, il pubblico era molto eterogeneo e secondo 
me era buona anche l'atmosfera con i vicini. Va considerato che per un posto 
"in paese", il rapporto con i vicini e' vitale, e  penso sia normale cercare di 
mantenere rapporti buoni con coloro che vivono accanto.

Sabato sera per smontare la mostra, mi sono trovata nella situazione surreale 
di dover andare in gruppo siccome settimana scorsa "per la presenza di 
borghesi di merda" alla mostra e per altre ragioni (ragioni si fa per dire) 
Vittoriano era stato aggredito, picchiato, con il maglione tirato sulla testa da 
una coppia presente nel meratese da un po' di tempo e facente parte 
ultimamente dell'erba. Coppia inizialmente insospettabile, poi adesso da varie 
notizie risulta che abbiano avuto comportamenti simili anche nell'Alessandrino 
dove hanno vissuto alcuni anni. Altri dettagli come la successiva agressione a 
una vicina anziana, o la presenza di altre persone in disparte penso possano 
essere raccontati meglio dai presenti a questi fatti. Io stessa sono rimasta 
molto sorpresa dal comportamento dei due, tanto piu' che nei miei confronti 
non avevano espresso nessuna critica in riguardo alle persone venute alla 
mostra.

Personalmente conosco da anni i compagni che mi hanno riferito di questi 
fatti, e sono persone attendibili, di come questi due abbiano sistematicamente 
cercato di disfare il gruppo l'erba, seminando discordia, appropriandosi di 
spazi e soldi ecc.ecc.ecc.

I motivi per cui vi scrivo questo sono due

- in questo momento il gruppo l'erba sta cercando di reagire, dopo alcuni giorni 
di chiusura (in tutti gli anni, non hanno mai chiuso e chiudere proprio adesso 
quando c'era modo di avvicinare nuove persone e' deleterio) si stanno 
organizzando: ma chiaramente la situazione e' tesa, e' necessaria la presenza 
di compagni e sarebbe bello se a tempi brevi ci fossero una serie di iniziative 
che riportino serenità in quella corte di Valaperta. Dopo le risse in cortile e' 
necessario ristabilire la serenita' nei rapporti sia coi vicini, sia per i compagni 
dell'erba ... mi sembra allucinante che ci si possa muovere solo in gruppo, che 
compagni debbano aver timore ad uscire da soli. In piu'  ho appena saputo che 
si sono presentati sotto casa di un altro compagno del giro dell'erba insultandolo 
e facendo casino in strada.

- l'altro motivo e' piu' difficile da spiegare. Questa non e' la prima ne l'ultima 
volta che queste cose succedono, ma cio' che mi fa rabbia e' la nostra 
incapacità di reagire in tempi ragionevoli. I pettegolezzi girano all'inverosimile, 
ma non siamo capaci di tutelare i compagni quando le aggressioni 
accadono "all'interno". Adesso sappiamo che a Alessandria hanno lavorato in 
modo simile - lasciamo che domani si presentino in un altro posto di provincia 
per disfarlo?  Forse sarebbe il caso di riflettere, partendo da questo caso ma 
anche piu' in generale, sulla necessita' di tutelare compagni vittime di sopprusi 
e reagendo tempestivamente per prevenirli quando possibile. Che la chiamata 
al 112 sia la via di uscita, io non credo. Diventa una sconfitta.

Un po' a caldo ho scritto queste cose - i destinatari del messaggio sono quelli 
che ho qui nel computer - inoltratelo a chi vi sembra utile, e chi se la sente 
potrebbe rispondere a tutti (cliccando su "rispondi a tutti") magari per iniziare 
una discussione sulla questione in generale, o per segnalare disponibilita' ad 
intervenire a Casatenovo con cene, proiezioni video, presentazioni di libri ecc.

Manca l'email dell'erba, ma sono in contatto con vittoriano per fargli avere le 
copie stampate intanto e darvi l'email appena arriva.

ciao
maria


*******
                  *******
     ****** A-Infos News Service *****
          Notizie su e per gli anarchici

 Per iscriversi        -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
                          nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
 Per informazioni      -> http://www.ainfos.ca/it
 Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
 Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca




A-Infos Information Center