A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ English_ Français_ Italiano_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ All_other_languages
{Info on A-Infos}

(it) Umanità Nova No.20: Bologna: aperto il lager per immigrati

From Worker <a-infos-it@ainfos.ca>
Date Thu, 6 Jun 2002 06:10:12 -0400 (EDT)


 ________________________________________________
      A - I N F O S  N E W S  S E R V I C E
            http://www.ainfos.ca/
 ________________________________________________

Da "Umanità Nova" n. 20 del 2 giugno 2002 


Bologna: aperto il lager per immigrati
I nodi vengono al pettine. Disobbedienti dall'opposizione alla cogestione 


Nel movimento dei movimenti, é cosa nota, vi sono variegate componenti. Una 
delle critiche che abbiano, da sempre, sviluppato alla pratica di questo "soggetto
politico" é la pretesa di ridurre ad UNA voce (quella del portavoce) le istanze che
ne animano l'iniziativa.

È una pratica vecchia come la storia del movimento operaio. Si stanziano le
istituzioni e, di conseguenza, si scatena la ricerca dell'egemonia su di esse.

Nella pratica degli Italian Social Forum, questa egemonia vede di volta in volta
rappresentarsi delle aree politiche (forse meglio dire delle organizzazioni)
diverse, pur accomunate dalla logica della rappresentanza e della rappresentazione.

Chi non accetta questa logica é emarginato e, qualora se ne dia l'occasione,
criminalizzato.

È da tempo che sulla lotta contro i Centri di Permanenza Temporanea, come 
anarchici, stiamo fuori da questa logica. Al di là del radicalismo delle 
dichiarazioni e, a volte, delle azioni abbiamo sempre denunciato la logica 
cogestionaria delle istituzioni totali che da via Corelli in qua ci distingue dal 
realismo politico dei soggetti che diedero vita alle varie carte (Arezzo, Milano, 
etc.), ai vari network (nord-est, centro-est, etc.), ai vari social forum.

A Bologna sono emerse due notizie che in qualche modo confermano questi 
nostri "pregiudizi":

1) é di fatto in funzione il CPT di via Mattei; ne ha dato notizia alla stampa il
sindaco; un portavoce "autorevole" del BSF ha commentato la notizia 
rivendicando a se la capacità di gestione del lager affinché "... i servizi interni 
siano appaltati a noi ...". Il soggetto istituzionale a cui si rivolge questa offerta é il
presidente della regione Errani.

2) un consigliere comunale di Alleanza Nazionale, Mazzanti, spalleggiato
dall'immancabile sceriffo Preziosa, ha contestato l'antifascismo espressosi
all'interno del Teatro Polivalente (ex) Occupato in quanto questo posto vive grazie
ai fondi statali che ne finanziano le attività; la richiesta istituzionale di
Mazzanti é che vengano sospesi i fondi pubblici al TPO fino a quando questa
struttura non sarà aperta a tutti i cittadini.

Apparentemente non vi sono legami fra questi due fatti. In realtà sono 
intimamente
legati. Dalla carta di Milano in poi, le aree "disobbedienti", hanno scambiato la
loro "moderazione" con lauti finanziamenti stanziati da governi (ai vari livelli)
amici. I finanziamenti contestati dal fascista Mazzanti fanno parte del pacchetto di
500 miliardi che la ex-ministra Livia Turco (proprio quella della legge che
istituisce i CPT) ha donato al suo consulente Luca Casarini affinché questi 
potesse ripagare i centri sociali del sostegno politico che accordavano al 
governo dell'Ulivo. Cambiati i suonatori, evidentemente, si vuole continuare a 
suonare la stessa musica. 

Ci si appella al desiderio di "umanizzare" i lager per rivendicare nuovi
finanziamenti. Finanziamenti a parte, ciò che é insopportabile é la rottura del
fronte di lotta per la chiusura dei CPT.

Se si dichiara di voler essere "... baluardi della difesa dei diritti dei migranti
all'interno del CPT ..." evidentemente si abbandona la lotta per la loro chiusura.

Se si accettano i finanziamenti statali non si é per un "altro mondo" ma ci si
trasforma in funzionari dello stato, per quanto "atipici".

Possiamo ben dirlo: l'avevamo detto. 

Cassandre felsinee


http://www.ecn.org/uenne/


     ****** A-Infos News Service *****
      Notizie su e per gli anarchici

 Per iscriversi        -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
                          nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
 Per informazioni      -> http://www.ainfos.ca/
 Per inoltrare altrove -> includere questa sezione




A-Infos
News