A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ All_other_languages _The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) Contropotere n.7 : Nemici di ogni frontiera

From Worker <a-infos-it@ainfos.ca>
Date Mon, 16 Dec 2002 10:02:18 -0500 (EST)


 ________________________________________________
      A - I N F O S  N E W S  S E R V I C E
            http://www.ainfos.ca/
        http://ainfos.ca/index24.html
 ________________________________________________

Contropotere - giornale anarchico
Numero 7 - Dicembre 2002 - Anno 1 

Nemici di ogni frontiera


Il vertice dei terroristi.

Mercoledì 13 novembre la città di Lecce ha ospitato 11
terroristi. Loro si fanno chiamare ministri dell'interno ma noi,
da persone semplici quali siamo, amiamo chiamare le cose con il
loro vero nome...

Più esattamente, Lecce è stata la città prescelta per l'incontro
fra questi 11 pericolosi criminali che rappresentano le
altrettante nazioni presenti nell'area adriatico-jonica del
mediterraneo. Sede di tale incontro è stato il castello Carlo V
posto nel cuore della città.

Questi undici lugubri figuri in doppiopetto hanno discusso a
Lecce: "sulle misure più urgenti da adottare per potenziare il
piano di allerta e reazione rapida contro l'immigrazione illegale".

Come già si evince dal gergo militaresco da loro stessi
adottato, hanno discusso di come porre rimedio in maniera rapida
ai continui arrivi sulle nostre coste di migliaia di sfruttati,
esclusi da qualsiasi privilegio e dal diritto a condurre una
esistenza decorosa nelle loro terre d'origine.

Ma gli 11 assassini hanno parlato anche d'altro: "del
potenziamento delle polizie dei vari paesi e di una maggiore
collaborazione tra di esse". In concreto si prevede l'impiego
della marina in alto mare, maggiori poteri alla guardia di
finanza e alla capitaneria di porto con veri e propri compiti
legislativi e poteri ispettivi all'ingresso delle acque territoriali.

Come sempre, come è stato finora, hanno discusso:
"dell'importanza dello sviluppo del commercio e degli
investimenti internazionali nella zona adriatico-jonica"; ovvero
hanno parlato di come far fruttare il loro denaro e quello dei
loro amici industriali; di come incrementare i loro guadagni
spremendo le genti di tutti i paesi, sfruttando gli esclusi di sempre. 

Indovina chi viene a cena?

Nonostante l'oscurantismo sul dove, come quando del vertice, da
parte di tutti i media nazionali e locali, riusciamo a sapere
che gli 11 pinguini arriveranno a Lecce nella serata del 12 per
poi dirigersi in prefettura, dove saranno accolti dai massimi
idioti della comunità leccese, e per poi abbuffarsi in una cena
ufficiale alla faccia di noi tutti.

Essendo stata definita il salento "terra dell'accoglienza",
anche noi come anarchici non vogliamo essere da meno a questo
luogo comune: alle 18:30 in barba alla città blindata, dopo un
lungo percorso strategico per i budelli del centro storico di
Lecce arriviamo in una cinquantina sotto alla prefettura.

Lo striscione nero si allunga sulla strada a bloccare il
traffico, e così inizia il nostro: benvenuto porci! 

In poco meno di un'ora vengono distribuiti più di mille
volantini che informano i passanti su cosa sta accadendo e cosa
accadrà a Lecce in quei giorni. Nel caso i signori ministri
fossero ancor più idioti di quel che si pensi ci forniamo di
oggetti sonori mentre più compagni si alternano al megafono.

Arriva la polizia: non si aspettavano questo scherzetto, gli
abbiamo rovinato l'idilliaca accoglienza riservata ai ministri.
Con lo striscione giochiamo a guardia e ladri ma senza farci
acchiappare, il tutto sino alle 21 dove decidiamo di abbandonare
la prefettura: luogo in cui stanno alzando i calici pieni del
sangue di centinaia di migranti. 

Percorriamo il centro della città direzionandoci verso il
quartiere "le giravolte": zona abitata da senegalesi, albanesi e
coreani, al grido: "siamo tutti clandestini". 

Dai vetri delle finestre si affacciano sorrisi e occhi che
esprimono gioia per chi sta passando sotto le loro case, ma ci
dicono anche che la mattina dopo loro non ci saranno perché
fermati dalla paura di una parola: clandestini!!! Questa è
l'unica amarezza che accompagnerà ognuno di noi nella strada
verso casa. 

13 novembre.

È già l'ora del corteo organizzato dal Lecce Social Forum, un
corteo sui binari: quelli imposti alla prefettura. Alle ore
10:30 con la partenza del corteo ha inizio e si illumina la
grande vetrina con capi e capetti dei no-global a scambiarsi
parole rassicuranti sulla buona riuscita e sulla mancanza di disordini.

Noi, gli anarchici: "i facinorosi, i duri del movimento", e
quanto altro scritto in quei giorni dai pennivendoli della
stampa locale ..... semplicemente noi, eravamo in coda al corteo
di circa tremila persone.

Noi in fondo siamo almeno 200 individualità, che si
differenziano dal resto non solo per il colore delle bandiere
che vi sventolano: l'ironia graffiante degli striscioni si
accompagnava ai tamburi di molti di noi. Verso mezzogiorno
arriviamo nei pressi del castello, il portone è lì di fronte a
noi solo 100 metri ci separano dagli undici porci. 

Ma il corteo svolta poco prima a destra, noi no!! 

Vogliamo andare avanti, vogliamo portare la nostra rabbia sin
sotto le finestre del castello, vogliamo che ci sentano e si
ricordino delle nostre promesse. 

Al primo "piccolo" accenno di baruffa un cordone di no-global si
stringe stretto intorno a noi, la polizia ci ride in faccia per
quello che accade, tutto il resto è noia.


Ateneo libertario "Maya"

 
http://www.ecn.org/contropotere


*******
                  *******
     ****** A-Infos News Service *****
          Notizie su e per gli anarchici

 Per iscriversi        -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
                          nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
 Per informazioni      -> http://www.ainfos.ca/it
 Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
 Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca




A-Infos Information Center