A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ Türkçe_ All_other_languages _The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) da Indymedia: lettera aperta del csoa il geko al movimento italiano

From Meletta <meletta@aconet.it>
Date Sun, 15 Dec 2002 15:01:09 -0500 (EST)


 ________________________________________________
      A - I N F O S  N E W S  S E R V I C E
            http://www.ainfos.ca/
        http://ainfos.ca/index24.html
 ________________________________________________

da Indymedia:

nuovo invio "Lettera aperta" con correzione indirizzo e-mail

lettera aperta del csoa il geko al movimento italiano

LETTERA APERTA AL MOVIMENTO

SOLIDARIETA’ AI COMPAGNI ARRESTATI

Dopo l’iniziativa della Procura di Cosenza c’è stato grande e giusto 
clamore, la solidarietà agli arrestati e al movimento è venuta da quasi 
tutto il mondo politico. Abbiamo gridato: “siamo tutti sovversivi”. E ora? 
Perché per i compagni arrestati dalla Procura di Genova non c’è lo stesso 
sdegno? Noi vorremmo che il movimento non si limitasse a chiedere “verità e 
giustizia” (una formula minimale, timida), vorremmo che dicesse qualcosa di 
più coraggioso: per esempio, che il 20 luglio in via Tolemaide e poi in 
Corso Torino e in Piazza Alimonda etc. c’è stata una forte e giusta 
resistenza contro gli attacchi ingiustificati delle forze dell’ordine, ma 
anche contro la presenza insopportabile di una “zona rossa”. Vorremmo non 
sentire più la voce di quelli che intendono dividere il movimento in buoni 
e cattivi, vorremmo che tutti rivendicassero quella meravigliosa giornata 
di lotta. Solo così possiamo esprimere una solidarietà vera ai compagni 
arrestati. E infine vorremmo che si chiedesse a gran voce la revisione 
completa di tutte le normative repressive, fasciste ed emergenziali, che 
consentono praticamente tutto alle forze dell’ordine e alle procure.

DOVE VA’ IL MOVIMENTO?

Dopo Firenze sembrano tutti più tranquilli. Lo Stato, il governo, le forze 
dell’ordine, i partiti di destra e quelli di sinistra, i sindacati. I 
noglobal italiani sono diventati newglobal, per i giornalisti compiacenti. 
Siamo un grande movimento d’opinione, tutto qua. Peccato che, per rimanere 
vicino a noi, le lotte degli operai alla FIAT stiano prendendo una “brutta 
piega”. Il presidente del consiglio inizia a non tollerare l’ “inciviltà” 
di certe forme di protesta, i sindacati sentono che entro breve tempo non 
riusciranno più a controllare la situazione. Se le lotte, finalmente, 
vengono portate sul piano degli interessi concreti, del potere, allora il 
movimento che fa? Purtroppo ci sembra che la strategia sia quella di 
stringere un patto scellerato con la CGIL, di legittimarsi come forza 
para-istituzionale, anziché come potenza che crea conflitto sociale, che 
rompe con il controllo delle burocrazie sindacali. Noi crediamo che la 
strada da prendere sia un’altra; pensiamo che sia venuto il momento non di 
raccogliere un magro bottino, ma di alzare il tiro; riteniamo necessario 
portare la lotta su un piano apertamente e concretamente 
anti-capitalistico. Bisogna far sì che le nostre pratiche politiche (al di 
là della disputa sterile su violenza e nonviolenza) incidano sui processi 
reali di produzione della ricchezza, dello sfruttamento e del controllo 
sociale, bisogna creare e organizzare nuove forme di contropotere sul 
territorio, nelle scuole e nelle università, nelle fabbriche.

Certo, dobbiamo anche fare un’enorme sforzo analitico e creativo, perché 
non ci illudiamo di poter dare vecchie risposte a problemi nuovi. Ma 
contemporaneamente non possiamo non sentirci eredi di una grande storia, 
che è quella dei movimenti rivoluzionari. Dobbiamo riprenderne il filo, 
portare il dibattito nel movimento e lo scontro sociale e politico su un 
piano più alto. Perché senza un nuovo respiro rivoluzionario tutte le lotte 
sono semplicemente destinate alla sconfitta. Il movimento anti-liberista 
dovrebbe finalmente rendersi consapevole del fatto che oggi il sistema 
capitalistico globale non sopporta alcun genere di riforma migliorativa: se 
si è contro la guerra e il neoliberismo si è contro il capitalismo. 
L’argentina ce lo sta insegnando.

Invitiamo tutti ad una riflessione comune sulla memoria, sulle strategie, 
sulle pratiche di lotta. Noi inizieremo, insieme a molti compagni liguri e 
toscani, domenica 22 dicembre, presso il CSOA “il geko” (La Spezia, via 
Venezia 82). Per informazioni scrivere a csageko@yahoo.it

il geko è una animale
velenosamente antifascista




*******
                  *******
     ****** A-Infos News Service *****
          Notizie su e per gli anarchici

 Per iscriversi        -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
                          nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
 Per informazioni      -> http://www.ainfos.ca/it
 Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
 Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca




A-Infos Information Center