A - I n f o s
a multi-lingual news service by, for, and about anarchists **

News in all languages
Last 30 posts (Homepage) Last two weeks' posts

The last 100 posts, according to language
Castellano_ Català_ Deutsch_ English_ Français_ Italiano_ Polski_ Português_ Russkyi_ Suomi_ Svenska_ TŘrkše_ All_other_languages _The.Supplement
{Info on A-Infos}

(it) Il rumore delle sbarre

From Worker <a-infos-it@ainfos.ca>
Date Thu, 5 Dec 2002 08:42:38 -0500 (EST)


 ________________________________________________
      A - I N F O S  N E W S  S E R V I C E
            http://www.ainfos.ca/
        http://ainfos.ca/index24.html
 ________________________________________________

Il rumore delle sbarre
Solidarizziamo con la lotta dei detenuti, liberiamoci dalla
necessitÓ del carcere.

La protesta all'interno delle carceri si sta allargando a
"macchia di leopardo". Sono sempre di pi¨ i carcerati in lotta
per rendersi "visibili" ad una societÓ che vorrebbe relegarli
all'oblio, alla vergogna che non si mostra. 
     
Ma a quel blocco sociale che preferisce occultare e nascondere,
la varia umanitÓ che abita le galere patrie ha deciso di opporre
la rivendicazione ad un'esistenza dignitosa e libera, nella
forma pi¨ fastidiosa: quella che si fa sentire. 
     
Infatti, lo sciopero dei carcerati, oltre al rifiuto del vitto o
all'astensione dal lavoro da parte dei detenuti lavoranti,
prende la forma e il suono di gavette che battono contro le
sbarre delle celle, in giorni e ore non prestabiliti. 
     
Dai supercarceri di Spoleto, Rebibbia e Secondigliano
allargandosi a pi¨ di 90 istituti di pena, passando per S
Vittore a Milano, le Vallette di Torino, Poggio Reale a Napoli,
fino ad arrivare recentemente anche al Castello di Pordenone, le
rivendicazioni cercano ascolto. 
     
Cosa chiedono? 
     
Lo smaltimento immediato del sovraffollamento (57.000 "ospiti"
per 41.000 posti), indulto generalizzato per tre anni, riforma
del codice penale a partire dall'abolizione dell'ergastolo e
dalla depenalizzazione dei reati minori, aumento delle
concessioni delle misure alternative, abolizione dell' articolo
41bis, abolizione delle prescrizioni contenute nell'art.4bis
(norme sulla maternitÓ delle detenute), riaprire la vertenza
sugli stipendi per gli oltre 11.000 detenuti che vi lavorano,
fermi ai contratti del 1993. 
     
Quest'ultimo aspetto Ŕ molto importante ed Ŕ quello che
preoccupa di pi¨ il DAP (Dipartimento dell'amministrazione
penitenziaria). 
     
Se, infatti, lo sciopero dei lavoranti interni, dei detenuti
addetti alle cucine, alle pulizie o alla manutenzione (fabbri,
elettricisti, falegnami) dovesse consolidarsi rischierebbe la
paralisi dell'azienda-carcere. 
     
In Italia la popolazione carceraria Ŕ cresciuta di 17.000 unitÓ
in meno di vent'anni, il 47,33% non Ŕ mai stato condannato, non
ha sulle spalle una sentenza passata in giudicato. 
     
Per l'Europa Ŕ un record: va peggio solo in Lussemburgo, ma lý i
"presunti innocenti" sono 200 (su 400 detenuti), non 25.000. 
     
Sono giÓ alcuni giorni che gli "ospiti" del carcere pordenonese
attuano la rumorosa protesta e cui va la nostra pi¨ sentita
solidarietÓ come giÓ facemmo due anni fa, quando l'allora
ministro Piero Fassino, oggi "girotondino" DOC, alla protesta
dei detenuti in lotta promise pi¨ carceri, maggiori secondini e
maggiori facilitÓ d'espulsione per gli immigrati colpevoli di
non avere un permesso di soggiorno. 
     
Certamente l'attuale maggioranza di centro-destra, capitanata
dal ministro Castelli che non tradisce lo spirito fascista che
colora lo schieramento politico d'appartenenza, non Ŕ da meno,
anzi, arriva a sostenere che i carcerati vivono in alberghi, e
per di pi¨ di lusso, e sostiene riforme peggiorative pi¨ in
linea con il "castigo" che lo stato ha inflitto loro. Cosý la
triste performance del centro-sinistra in visita alle carceri e
alla quale il governo di centro-destra addossa ipotesi di
sommosse s'inserisce nella solita bieca bagarre politica di chi
Ŕ pronto a sfruttare la sofferenza e la disumanitÓ di una vita
carcerata per i propri fini elettorali. 
     
Ai detenuti va il nostro pensiero, le nostre lotte di libertÓ e
l'appoggio alla protesta. 
     
Ci uniamo al rumore delle sbarre delle celle, perchÚ nella zona
d'ombra in cui la punizione opera la sua vendetta, possa
insinuarsi una luce rivelatrice, che, in una lotta comune,
riesca a sbarazzarsi di stato, capitale e catene. 

Circolo libertario E. Zapata
Pordenone
Novembre 2002



*******
                  *******
     ****** A-Infos News Service *****
          Notizie su e per gli anarchici

 Per iscriversi        -> mandare un messaggio a LISTS@AINFOS.CA e
                          nel corpo del msg scrivere SUBSCRIBE A-INFOS-IT
 Per informazioni      -> http://www.ainfos.ca/it
 Per inoltrare altrove -> includere questa sezione
 Per rispondere a questo messaggio -> a-infos-d-it@ainfos.ca




A-Infos Information Center